Cerca

L'identikit

Caso Ablyazov, si è dimesso il capo di gabinetto del Viminale Procaccini: ecco chi è

Giuseppe Procaccini

Giuseppe Procaccini

Trema il governo Letta. Dopo la relazione del capo della Polizia Alessandro Pansa, la prima testa a capitolare è quella del capo di gabinetto del ministro dell'Interno Angelino Alfano, Giuseppe Procaccini. E lui ad aver incontrato l'ambasciatore kazako a Roma, Andrian Yelemessov, prima di dare il via libera al blitz con cui la polizia ha prelevato Alma Shalabayeva e la piccola Alua. A rischiare il posto anche  responsabile segreteria di Pansa, Alessandro Valeri, e il questore di Roma Fulvio Della Rocca

Presente al Trattato di Maastricht - Ma chi è Procaccini? E' capo di gabinetto del ministero dell'Interno dal 2008, con Roberto Maroni a capo del Viminale. E' stato poi riconfermato sia da Anna Maria Cancellieri che da Angelino Alfano. E' il classico uomo-ombra delle istituzioni, fino a qualche giorno fa in corsa per la nomina ai vertici della Polizia di Stato. Andando più indietro nel tempo, nel 1990 Procaccini ha ccompagnato l'allora ministro del Tesoro Guido Carli per uno degli incontrio più importanti degli ultimi 20 anni: quello, svoltosi a Bruxelles, e conclusasi con la firma del Trattato di Maastricht

La trafila al ministero dell'Interno - Nel 1992 fu poi distaccato al ministero dell'Interno, dove iniziò una lenta ma inesorabile scalata che lo ha portato nel 2008 a ricoprire il ruolo di capo di Gabinetto. Nel mezzo di questa inesorabile ascesa, c'è la nomina, da parte di Gianni De Gennaro, a capo della Segreteria del Dipartimento della Ps. L'anno successivo, anno 2001, fu nominato vice capo della Polizia fino al 2006. Con l'arrivo di Maroni al Viminale, Procaccini è ritornato prepotentemente in auge, rivestendo la carica di capo di Gabinetto. Fino alle dimissioni di oggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vincentvalentster

    16 Luglio 2013 - 23:11

    Giuseppe Procaccini è un funzionario di grande valore e di indiscutibile professionalità, per tutto quanto ha fatto nella sua carriera e perché, altrimenti, non avrebbe potuto svolgere le funzioni di Capo di Gabinetto di ben tre Ministri,Maroni, Cancellieri e Alfano, che lo ha ritenuto fino ad oggi meritevole di essere mantenuto nell'incarico.

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    16 Luglio 2013 - 22:10

    grane in vista per il kazako.mi sa' che fara' la stessa fine di tutti gli amici fraterni del nano,mi sa' tanto tanto che il nano porti rogna,se lo si incontra toccarsi i coglioni e fare le corna,correre ha comprare il sale e spargerlo sul menagramo.

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    16 Luglio 2013 - 22:10

    l'ennesimo con la solita banana in bocca!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    16 Luglio 2013 - 21:09

    Perde il quid che non aveva. Miracolo !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog