Cerca

L'inchiesta

Nuzzi: mia verità
sul corvo in Vaticano

L'autore di "Sua Santità": il desiderio di trasparenza non si arresta

Bisogna chiedersi perché chi gode di altissima fiducia tanto da poter accedere ad archivi con le carte del Papa ha deciso di violarla. Di certo non lo fa per denaro, né per popolarità 
L'inviato di Libero Gianluigi Nuzzi, autore di "Sua Santità"

È un’inchiesta tumultuosa quella che in Vaticano si sta portando avanti per dare un volto a chi ha passato le carte, i documenti spina dorsale del mio ultimo saggio, «Sua Santità». Di chi con coraggio ha deciso di far conoscere congiure, trame, affari, interessi nei Sacri Palazzi che possono persino imbarazzare. A iniziare dalle trattative tra Santa Sede e Giulio Tremonti, quando era ministro dell’Economia, per cambiare la legge sulle esenzioni Ici ed evitare che arrivasse la maxi-condanna dell’Unione europea contro il privilegio concesso sui beni della Chiesa. Questioni quindi, è bene dirlo subito, che non riguardano le  private faccende di porporati, i gusti sessuali di monsignori, peccati e amori. Ma che svelano la filigrana di storie che pescano nelle nostre tasche come  l’Ici o che o possono influenzare la nostra politica come gli incontri privati tra Ratzinger e politici italiani di primissimo piano. Con memorandum predisposti al Papa sulla modifica di leggi italiane. «Sua Santità» racconta queste storie non spinto da anticlericalismo, da  preconcetti o pregiudizi, ma solamente unendo e approfondendo fatti di cronaca. In gran parte inediti. 


 



Credo che nell’era di Internet, del villaggio globale, dobbiamo abituarci tutti che oltre alla comunicazione ufficiale, formale, dogmatica, possano uscire anche storie non controllabili. E questo vale in Italia, e dovrebbe valere anche in monarchie assolute come il Vaticano. Certo, i documenti imbarazzano, sono ruvidi, sbattono in faccia a tutti storie che si vorrebbe patrimonio di pochi. Penso ad esempio alle attività che 007 vaticani avrebbero compiuto sul nostro territorio, a Roma, nel quartiere Parioli, tra riprese fotografiche e pedinamenti. Questo lavoro non offende l’inviolabilità del territorio italiano? Come possono, investigatori di un paese straniero, indagare liberamente nel cuore di Roma? Provate solo a pensare se i nostri carabinieri andassero a svolgere indagini sotto la Torre Eiffel: che farebbe Hollande se non rispedirceli indietro? Mi immaginavo che qualche deputato gridasse allo scandalo colpito da questa ingerenza – ricordate il caso Abu Omar con la Cia che spadroneggiò e si portò via  il presunto terrorista? – Invece alcuni nostri parlamentari hanno chiesto il sequestro del libro (italiano) scritto da un giornalista italiano. 

Gli arresti domiciliari comminati ieri a Paolo Gabriele, il maggiordomo del Santo Padre, sono così frutto di un piccolo miracolo. In poche ore, pochi giorni spunta un colpevole da offrire all’opinione pubblica per chiudere il caso: appunto, il maggiordomo, come in ogni romanzo giallo che si rispetti.  

Questa storia me ne fa ricordare altre due. La prima: quella della scomparsa di Emanuela Orlandi. È dal 1983 che è sparita. Ci sono voluti 29 anni per scoperchiare la tomba del boss della Magliana Renato De Pedis nella basilica di Sant’Apollinare. Chissà quanti altri ce ne vorranno per trovare i colpevoli di questo sequestro e per dare una verità, un luogo di raccoglimento alla famiglia che piange. L’altra storia  è la strage delle guardie svizzere del 1998. Anche lì con il corpo del colonnello Alois Estermann e della moglie riversi nel sangue dal Vaticano in un lampo l’inchiesta individuò nella guardia Cedric Tornay l’assassino che poi si tolse la vita. Caso chiuso.

Con una significativa differenza. Se per rispetto delle fonti, tutte, è evidente che nulla posso dire nello specifico (perché qualsiasi risposta violerebbe la tutela delle stesse, includendo o escludendo chicchessia), sarebbe ora di chiedersi perché chi gode di altissima fiducia tanto da poter accedere ad archivi con le carte del Papa ha deciso di violare questa fiducia per far conoscere a noi tutti queste vicende.  Non certo per popolarità, perché le mie fonti vivono nell’assoluto anonimato. Né per denaro, perché né io né l’editore abbiamo pagato alcuno. Allora, per far un favore a qualche cardinale? È possibile, sì: ma davvero uno si spinge a una scelta così radicale solo per un piccolo piacere a futura memoria? Ecco che prende consistenza l’ultima ipotesi: per amore di verità. E io come giornalista non avevo il dovere, oltre che di fare un servizio di cronaca, anche di aiutare a condividere le verità che mai si sono conosciute? O dovevo tenere queste carte nel cassetto della mia scrivania in redazione? E se, ancora, questi documenti parlano anche di vicende drammatiche, come la scomparsa della Orlandi, dovevo renderli pubblici o distruggerli? Via, la risposta è scontata ma non per chi, in queste ore e nei prossimi giorni, farà di tutto per far guardare il dito e non la luna.

di Gianluigi Nuzzi

 

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GMTubini

    28 Maggio 2012 - 14:02

    Il fatto che tu metta prima l'aiuto dei poveri e dopo la salvezza delle anime rivela chiaramente la tua concezione materialistica del ruolo della Chiesa, ciò trova evidente conferma nella tua concezione della fede come rifugio (per i deboli!) nei momenti bui dell'esistenza. Caro/a mio/a tu sei perfettamente allineato/a alla penosa modernità: auguri!

    Report

    Rispondi

  • summer1

    27 Maggio 2012 - 22:10

    A me, cresciuto con una morale cristiana piacerebbe anche poter credere che il prelato abbia potuto svelare quei segreti non solo per amore di verità ma anche, come loro ci insegnano, perché è la verità che salva l'anima! Ma questo forse è troppo spirituale per i professionisti della religione, e adopero professionisti perché è questo che, da Costantino in poi, sono!

    Report

    Rispondi

  • summer1

    27 Maggio 2012 - 21:09

    A me, cresciuto con una morale cristiana piacerebbe anche poter credere che il prelato abbia potuto svelare quei segreti non solo per amore di verità ma anche, come loro ci insegnano, perché è la verità che salva l'anima! Ma questo forse è troppo spirituale per i professionisti della religione, e adopero professionisti perché questo, da Costantino in poi, sono!

    Report

    Rispondi

  • sgangemi

    27 Maggio 2012 - 11:11

    La chiesa, come rappresentanza della religione, nella sua destinazione iniziale era volta all'aiuto dei poveri e alla salvezza delle anime.Nel corso dei secoli è diventata un partito politico a tutti gli effetti, e come tutti i partiti, corrotto e avido di potere e di danaro quindi deleterio per i credenti.Già nel corso dei secoli in nome di Dio, quel Dio misericordioso che la chiesa dovrebbe rappresentare, sono stati perpetrati delitti ed efferatezze della peggiore specie, tradendo quello che era la sua vocazione.A cosa serve oggi anzi a CHI serve oggi questa istituzione corrotta? E' solamente un paravento per affari sporchi. Credo fermamente che l'essere umano abbia bisogno di credere in qualcosa in cui rifugiarsi nei momenti bui della propria vita, ma sicuramente la chiesa non rappresenta questo qualcosa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog