Cerca

Spending review

Niente tetto alle "pensioni d'oro":
il conflitto d'interessi dei ministri

Ritirato l'emendamento che le riduceva a 6mila euro al mese. Da Polillo alla cancellieri a Di Paola, i tecnici che prendono di più

Il tetto consentirebbe un risparmio di 2,3 miliardi di euro l'anno solo sulle pensioni pubbliche

 

Lungi da noi dire che, nel dire no al taglio delle pensioni d'oro, i membri dell'esecutivo Monti abbiano guardato in primis alle loro tasche, presenti o future. Ma, come si dice, i numeri non mentono. E in questo caso dicono che alcuni membri dell'esecutivo si troverebbero la pensione che già percepiscono severamente decurata dal proposto tetto di 6mila euro netti al mese. E altri, secondo quanto scrive Il Fatto quotidiano, se la troverebbero in futuro, visto quanto guadagnano oggi.

L'emendamento taglia-pensioni d'oro, presentato dal parlamentare del Pdl Guido Crosetto e che consentirebbe un risparmio di 2,3 miliardi solo sulle pensioni pubbliche e di 15 se fosse applicato anche al settore privato, è stato ritirato dopo le insistenti “pressioni” da parte del governo e degli stessi colleghi di Crosetto. “Smuovi un campo troppo ampio” gli aveva detto in Commissione il sottosegratario all'economia Gianfranco Polillo. Proprio lui che è titolare di una pensione di 9.541,13 euro netti al mese percepita dall’ottobre del 2006 dopo oltre 40 anni di servizio come funzionario della Camera. E che col tetto fissato a 6mila euro si troverebbe a perdere 3.541 euro al mese.

Tra i beneficiati dal mancato tetto ci sarebbe anche Elsa Fornero. Il ministro del Lavoro nel 2010 ha dichiarato un reddito di 402mila euro lordi annui, per cui non è difficile prevedere per lei una pensione al limite della "soglia Crosetto". Il ministro Anna Maria Cancellieri dal novembre 2009 è titolare di una pensione di 6.688,70 euro netti al mese, frutto di una lunga carriera nell’amministrazione statale con l’ingresso al ministero degli Interni nel 1972. Il ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo Di Paola, percepisce 314.522,64 euro di “pensione provvisoria”, pari a circa 20mila euro mensili. Il sottosegretario allo Sviluppo economico Massimo Vari percepisce 10.253,17 euro netti al mese, frutto di una lunga attività di magistrato fino a ricoprire la carica di vice-presidente emerito della Corte costituzionale.

 

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gioch

    04 Luglio 2012 - 15:03

    Non è apologia di reato,bensì lampante legittima difesa.

    Report

    Rispondi

  • gioch

    04 Luglio 2012 - 14:02

    Impiccate anche gli altri.

    Report

    Rispondi

  • gioch

    04 Luglio 2012 - 14:02

    Risponde a Crosetto:"Smuovi un campo troppo ampio".Molto meglio falcidiare la massa.Impiccatelo!

    Report

    Rispondi

  • gioch

    04 Luglio 2012 - 14:02

    ...dicono che si allunga la vita dei maledetti.Allora,per risparmiare(ma proprio tanto),auguriamo a tutti i beneficiari di doppie,triple,o anche singole esagerate pensioni,tanto-tanto-tanto bene.Che stiano in pienissima salute,siano felici e che la loro automobile non sbandi mai,non cada in un dirupo con a bordo loro(e chi può godere della reversibilità). Non subiscano mai le traversie di un terremoto o di un ciclone mentre sono in vacanza.AUGURI-AUGURI-AUGURI.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog