Cerca

Processo Ruby

I giudici stoppano la Boccassini:
telefonate Cav-Minetti-Conceicao
restano fuori da processo

Il tribunale di Milano non ammette domande dei pm sulle intercettazioni al deputato Berlusconi

No alle domande che riguardano le telefonate intercettate tra Silvio Berlusconi e altre utenze nel processo Ruby. Lo hanno stabilito i giudici del Tribunale di Milano, presieduti da Giulia Turri, accogliendo così, dopo una breve camera di consiglio, un’eccezione presentata dalla difesa dell’ex premier, imputato per concussione e prostituzione minorile. L’eccezione è stata sollevata durante la deposizione di un ispettore di polizia, interrogato dal pubblico ministero Ilda Boccassini, che si è soffermata anche sui contatti tra Nicole Minetti, Michelle Conceicao e l’ex capo del Governo. Nel motivare la decisione, il collegio ha richiamato la legge in base alla quale in mancanza dell’autorizzazione della Camera di appartenenza non sono ammesse domande che hanno a oggetto contatti tra l'imputato-parlamentare e altre utenze.

milano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    10 Luglio 2012 - 16:04

    Almeno tu sei un po più furbo di quel coglione di Renatino.Non sei in grado di controbattere sul tema giurisprudenziale e ti rifugi sull'etica.A questo punto,segnalami chi in Italia abbia secondo te i requisiti che a te soddisfano.Io come cittadini m'interessa sapere se in Italia esiste un potere fuori controllo ,che se permetti è più importante di una telefonata ad una presunta troia.

    Report

    Rispondi

  • AGOUNTER

    10 Luglio 2012 - 08:08

    Quello che non riesci proprio a capire è che a me delle procedure giudiziarie non me ne frega un bel niente. Per me ,come cittadino, è importante sapere se il mio presidente del consiglio fa o no telefonate hard con delle prostitute, e se è si, ovviamente a me no stà bene. Hai capito ???

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    09 Luglio 2012 - 23:11

    Ci dica ,pseudo esperto di cose giuridiche,mi spieghi come mai le intercettazioni non sono state ammesse,a norma di legge,al dibattimento,ma sono stae autorizzate dal Gip e dal Gup.Non trovi che sia una contraddizione?Scommetto che saresti pronto a votare Monti o qualche altro campione della sinistra.

    Report

    Rispondi

  • AGOUNTER

    09 Luglio 2012 - 19:07

    Dunque?? Il titolo di Libero è fuorviante. Il giudice non ha negato l'esistenza delle telefonate, ma semplicemente non le ha ammesse nel processo per i motivi procedurali derivanti dal fatto che B. è parlamentare.Dunque?? E' fuori dubbio che, capire come vanno le cose , per certa gente è proprio impossibile. Scommetto che saresti pronto a votare ancora B.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog