Cerca

Crociata padana per il decoro

La Lega contro i barboni:
cinquecento euro di multa
a chi rovista nei cestini

Ordinanza del sindaco di Mortara, in Lomellina. Ma i cittadini insorgono: "Come faranno a pagare la contravvenzione?"

Il Comune non è nuovo a questo tipo di ordinanze. Già un paio di anni fa ne aveva fatta passare una che si rifaceva all’articolo 650 del codice penale e prevedeva fino a 3 mesi di carcere per i trasgressori
La Lega contro i barboni:
cinquecento euro di multa
a chi rovista nei cestini

Rovistare nei cassonetti dell’immondizia, in cerca di cibo o di qualche indumento usato, potrebbe costare molto caro ai cittadini meno abbienti di Mortara. La giunta locale, un monocolore leghista in carica da pochi mesi, ha infatti deciso di applicare sanzioni dai 25 ai 500 euro per i trasgressori. Ma tra i cittadini monta la protesta. Nel firmare l’ordinanza, Marco Facchinotti, primo cittadino del popoloso comune lomellino, ha spiegato: «Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni e vogliamo scoraggiare questa pratica che, oltre ad essere pericolosa, contribuisce a sporcare le aree limitrofe». Il provvedimento, voluto in particolare dall’assessore alla polizia locale Elio Pecchenino, si inserisce in un programma di mantenimento del decoro urbano portato avanti da Comune, Azienda Municipalizzata cittadina (AsMortara) e Clir (Consorzio Lomellino Incenerimento Rifiuti). «Sarà una guerra agli sporcaccioni», aveva preannunciato Pecchenino in estate. La prima fase ha riguardato il monitoraggio - con l’ausilio di una telecamera - delle persone che deponevano rifiuti ingombranti accanto ai cassonetti. In poche settimane sono state inflitte una ventina di multe tra i 150 e i 200 euro, mentre in altrettanti casi non è stato possibile risalire ai colpevoli poiché le immagini fornite dai video non erano abbastanza nitide. Per incoraggiare i cittadini alla raccolta differenziata, nei giorni scorsi il Comune ha addirittura premiato con una targa due bambini, Sofia e Filippo, con genitori al seguito, per il comportamento esemplare nello smistamento dei rifiuti.

Ma se la lotta a chi lascia oggetti fuori dal cassonetto ha trovato d’accordo la cittadinanza, ben diversi sono i pareri sulla linea dura contro i poveracci dell’immondizia. «Il fenomeno esiste - afferma una volontaria del Centro aiuto alla vita - e noi cerchiamo di dissuaderlo perché è una pratica pericolosa. Quanto alle multe, c’è da considerare che chi è costretto a cercare nei cassonetti è comunque sempre una persona in gravi difficoltà». Sui social network i commenti della gente sono molto critici. I più si interrogano sulla fattibilità del provvedimento. Fiorella si chiede: «Mi piacerebbe sapere come fanno a pagare le multe queste persone se non hanno neanche di che mangiare». E Paola: «Non ho parole.... invece di aiutare la povera gente.... spero che il prossimo a dover rovistare tra i rifiuti sia proprio l’assessore...». Ancora più sferzante e polemico è Carlo: «Davvero pensano di multare un anziano italiano che ha versato una montagna di contributi, che ha speso la pensione per potersi curare e che è costretto, dopo una vita di lavoro e di sacrifici, a calpestare la propria dignità e a rovistare nei cassonetti per potersi sfamare?».

A dire il vero l’assessore Pecchenino non è nuovo a questo tipo di ordinanze. Già un paio di anni fa ne aveva fatta passare una  identica, che - seppur limitata al periodo estivo - si rifaceva all’articolo 650 del codice penale e prevedeva fino a 3 mesi di carcere per i trasgressori. Ora, se la strada della prigione sembra essere accantonata, non vi sono però limiti stagionali.

di Filippo Cavazza

mortara

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mab

    13 Settembre 2012 - 17:05

    cosa perdono a fare del tempo per sanzionare chi non pagherà mai???? cosa avrebbero da pignorare?????? Le misure da prendere sarebbero altre......... E poi, nessuna misura può essere presa a carico di Italiani che magari, dopo una vita di lavoro e sacrifici si ritrovano in una situazione tale ed in mano ad uno stato che cita sempre la costituzione ma fà venire il vomito.

    Report

    Rispondi

  • mpex81

    13 Settembre 2012 - 16:04

    Cosa vi aspettate dai leghisti ? Un gruppo dirigente che anche quando andava al gabinetto parlava di federalismo e non lo ha fatto. Ma si è fatto i diamanti, lingotti etc.. Poi, si è rinnovato. Si con Maroni, che ha sempre avuto cariche nel partito e nei governi a cui la Lega ha partecipato. Bel rinnovamento! Ma, dulcis in fundo, cosa vi aspettate da gli elettori che votano Borghezio e lo mandano al Parlamento Europeo, a prendere un lauto stipendio per dire un sacco di stronzate ?

    Report

    Rispondi

  • frenkfree

    13 Settembre 2012 - 15:03

    all'imbeccilità non c'è mai limite,però si può compatire,sono leghisti.

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    13 Settembre 2012 - 15:03

    allora mettiamo chiaramente per iscritto che sui mezzi pubblici zingari e stranieri viaggiano gratis! tanto,c'è chi paga per loro,e sempre per colpa loro avrà,pur pagandolo,un pessimo servizio!ho visto autobus zeppi di stranieri,ed i controllori,quelle rare volte che salgono sugli stessi chiedere il biglietto solo agli italiani!un vero invito allo scrocco!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog