Cerca

Allarme rosso

La regione Emilia Romagna nel mirino dalla Procura di Bologna

La Procura di Bologna ha aperto un fascicolo sulle spese dei gruppi consiliari emiliani. Ora le inchieste sulla Regione sono quattro
La regione Emilia Romagna nel mirino dalla Procura di Bologna
La Procura di Bologna ha deciso di far luce sulle spese dei gruppi della Regione Emilia Romagna. Per ora si tratta di una indagine conoscitiva coassegnata ai pm Morena Plazzi e Antonella Scandellari: non c'è un'ipotesi di reato né indagati. Per far meglio le cose, il procuratore capo, Roberto Alfonso, ha voluto un pool investigativo apposito, formato da cinque uomini della Gdf, a lavorarci a pieno ritmo. Come punto di partenza, i finanzieri  analizzeranno nel dettaglio l'utilizzo dei fondi destinati ai gruppi, ma gli accertamenti potrebbero andare oltre, su altri tipi di spese. La nuova maxi-inchiesta si aggiunge alle altre tre su cui la Procura stava già lavorando: quella sui rimborsi elettorali della Lega nord (di cui si occupava il pm Plazzi), quella sulle spese del gruppo Idv nel mandato 2005-2010 e quella sulle interviste a pagamento realizzate da alcuni consiglieri regionali (entrambe affidate al pm Scandellari).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • INCAZZATONERO69

    28 Settembre 2012 - 21:09

    pure l'Emilia e feudo del Pdl?

    Report

    Rispondi

  • fossog

    28 Settembre 2012 - 15:03

    Un cesso di paese l'italia, costruito e modificato in questi ultimi 30 anni proprio per non funzionare favorendo i ladri e gli inetti a spese dei cittadini. I politicanti di turno fanno il loro porco comodo, in regione ed a roma, e lo fanno con dovizia di fantasia e truffa seconda del luogo che infestano.... le tasse sono solo copertura dello spreco/truffa corrente, ed i partiti sono gli artefici delle leggi che i loro miserabili nominati fanno in parlamento o nelle istituzioni locali. Bisogna ripulirlo dalla testa questo paese. biogna tagliarle queste teste marce e disoneste che da 30 anni ci appestano, bisogna ripartire da capo con un movimento nuovo che cancelli il vecchio per poter ricominciare tutto da capo.

    Report

    Rispondi

  • sarame

    28 Settembre 2012 - 15:03

    Indagine conoscitiva come dire state tranquilli kompagni che saremo ciechi e muti NIENTE VEDEMMO !!

    Report

    Rispondi

blog