Cerca

Industria nel caos

Gli affari dei comunisti e del Pd
coi proprietari dell'Ilva

Agli atti le mail del patron al segretario del Pd: "Ci conosciamo da anni..."

Gli affari dei comunisti e del Pd
coi proprietari dell'Ilva

Roberta Catania

Anche il sindaco, un prete e un poliziotto sono indagati nella vicenda che lunedì scorso  ha messo in ginocchio la più grande acciaieria d’Europa, l’Ilva di Taranto. Il primo cittadino vendoliano, Ippazio Stefano, il segretario dell’ex arcivescovo di Taranto, don Marco Gerardo, e un ispettore in servizio alla Digos, Cataldo De Michele, sono finiti nella maxi inchiesta in cui i pm indagano  dall’associazione a delinquere (finalizzata al disastro ambientale aggravato, all’omissione dolosa di cautele) alla concussione e corruzione. 

Dalle carte, dopo le presunte pressioni di Nichi Vendola per «nascondere i dati negativi sulla pericolosità ambientale dell’Ilva», scrive il gip e smentisce il governatore, spunta la richiesta d’aiuto del patron Riva a Pier Luigi Bersani. Lo racconta il senatore Pd Roberto Della Seta, che cita una email spedita al segretario del Partito democratico dal vertice del gruppo. Una lettera in cui si chiede un intervento  sulla scia di «anni di reciproca conoscenza». Soprattutto il 2006, anno in cui il gruppo Riva finanziò la campagna elettorale di Bersani con 98mila euro, come ricorda Dagospia. Delle sette ordinanze di arresto scattate lunedì mattina, una è ancora incompiuta. Fabio Riva, vice presidente di Riva Fire, è tuttora irreperibile, si dice sia in America e non si hanno notizie se voglia rientrare in Italia e costituirsi. Intanto spuntano nuovi indagati. Oltre  al direttore dell’Ilva di Taranto Adolfo Buffo e al presidente, Bruno Ferrante, ci sono il sindaco di Sel, il prete e il poliziotto.

 La vicenda del primo cittadina è legata a una denuncia presentata dal consigliere comunale Pdl Filippo Condemi, che ha accusato il sindaco di non aver approntato le dovute azioni di garanzia a tutela della salute pubblica. Più seria la vicenda di don Marco Gerardo, il segretario particolare dell’ex arcivescovo di Taranto Benigno Papa, accusato di false dichiarazioni ai pm. Il suo caso è collegato alla presunta mazzetta di diecimila euro che ha portato in carcere Girolamo Archinà, ex dirigente delle relazioni istituzionali dell’Ilva. Il 26 marzo 2010 Archinà avrebbe consegnato i soldi a Lorenzo Liberti, ex rettore del Politecnico di Taranto ed ex consulente d’ufficio della Procura proprio nelle inchieste sull’inquinamento, anche lui finito in manette l’altro ieri e portato ai domiciliari. I diecimila euro erano stati messi in una busta, consegnata a Liberti in una stazione di servizio dell’autostrada nei pressi di Acquaviva delle Fonti, in provincia di Bari. Lo scambio venne ripreso da una telecamera del sistema di videosorveglianza a circuito chiuso posizionata nella stazione di servizio, ma non è chiaro cosa contenesse la busta. Secondo la contabilità dell’Ilva si tratterebbe di una donazione dell’azienda alla Chiesa. L’ipotesi di reato contestata a don Marco Gerardo riguarda proprio le sue dichiarazioni agli inquirenti in relazione a quella presunta donazione.

La questione che ha messo nei guai il poliziotto della Digos di Taranto, infine, si basa su una presunta rivelazione di segreti d’ufficio. Oggi pomeriggio, nel carcere di Taranto, ci saranno gli interrogatori di garanzia dell’ex direttore dello stabilimento Ilva di Taranto, Luigi Capogrosso, e di Archinà. I loro legali hanno già presentato ricorso al Tribunale del Riesame per far annullare il provvedimento restrittivo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    29 Novembre 2012 - 13:01

    Per vedere un mio commento pubblicato vi ho dovuto mandare un'email e mitragliare il server con lo stesso commento ogni due minuti.Diteci solo che intenzioni avete,non ho nessun problema a traslocare.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    29 Novembre 2012 - 10:10

    Mauro,ma vai 'affanculo! ti abbiamo fatto gli auguri per i 58 anni e manco ci hai cagato.Ho addirittura pensato che tra i 34 segaioli che erano sull'aereo della NEOS di ritorno da Cuba ( quella del vuoto d'aria ) ci fossi pure tu.Sono contento che stai bene,così ci possiamo divertire a prenderti per il culo.ps.Come mai a quest'ora?Mi dicono che la tua azienda vada malissimo. Pazienza,ritornerai a fare il pezzente.

    Report

    Rispondi

  • toroinfuriato

    28 Novembre 2012 - 19:07

    Non bisogna mai dimenticare che le privatizzazioni le ha decise Prodi e se non è una favola c'era anche diversa altra gente sulla nave della Regina di Inghilterra. Gira che ti rigira i nomi sono sempre gli stessi non arrivano a 20 e prendono per il culo 60 milioni di italiani. Basta fare un giro per l'Italia.

    Report

    Rispondi

  • toroinfuriato

    28 Novembre 2012 - 19:07

    Il Bunga Bunga è una minchiata. (tanto per usare il linguaggio locale intercettato) Il povero Silvio è stato braccato da un ventennio ed è scivolato sulla "topa" mentre a Taranto giocavano con la pelle della gente e nessuno ha mosso un dito per anni e anni. Oggi l'unica soluzione è la confisca (non sequestro) perché non possono chiudere e via, prima devono rimettere tutto a posto e se non lo fanno loro lo deve fare lo Stato che per recuperare le spese confisca l'impianto e lo gestisce perchè l'acciaieria è un presidio strategigo di importanza nazionale. E VAIII...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog