Cerca

Lotta all'evasione

Pos obbligatorio, ecco le regole. Ma c'è anche il modo di non usarlo: eccolo

Pos obbligatorio, ecco le regole. Ma c'è anche il modo di non usarlo: eccolo

Fatta la legge trovato l'inganno, recita un vecchio adagio. E nel caso dell'obbligo di Pos da parte di commercianti, artigiani e professionisti che scatta oggi non si tratta neanche di "inganno", bensì di mancanza di sanzioni. Sì, perché nel decreto legge che impone di accettare come pagamento "moneta elettronica" mancano le ammende e le punizioni per chi non si adegua. "E' il solito pasticcio all'italiana, una vera e propria buffonata", tuona alla Stampa il presidente del Codacons Carlo Rienzi. I commercianti che non si doteranno di Pos non rischieranno nulla e potranno comportarsi come meglio credono". Per l'Abusbef la nuova norma non serve a combattere l'evasione fiscale ma soltanto a favorire gli interessi di banche e società esercenti le carte di credito" e per questo "invita alla disobbedienza".

L'obbligo - L'obbligo sulla carta vale per chiunque fornisca beni o servizi il cui importo è superiore ai 30 euro. Inizialmente si pensava di limitare la disposizione a chi fattura più di 200 mila euro l'anno. Alla fine però non c'è soglia: vale per tutta. Ovviamente il fatto che un commerciante, un artigiano o un professionista non disponga del Pos non significa che cade l'obbligo di pagare. Il cliente se non riesce a pagare è comunque debitorie della cifra con il fornitore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sergioballesio

    01 Luglio 2014 - 12:12

    lLa solita legge all'italiana . possibile che io, con i soldi che guadagno con fatica(visti i tempi ) non possa disporne come meglio credo??????? Se l'obbligo di avere il POS dovesse diventare impositivo, servira solo ad arricchire le banche ,a scapito di tutti noi.

    Report

    Rispondi

  • caffetteria.2roma

    30 Giugno 2014 - 19:07

    perché è solo un regalo alle banche

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    30 Giugno 2014 - 17:05

    Ennesimo regalo alle banche da parte del venditore di pentolame &affini....La spesa di commissione bancaria si aggira sui 2.50 euro ad operazione.Usare il bancomat poi,e nessuno lo dice,comporta il pagamento di una tassa del 4% sull'imponibile.Queste sono tasse OCCULTE.E nessuno se ne accorge.

    Report

    Rispondi

  • Estero1

    30 Giugno 2014 - 16:04

    quante inutili polemiche,pago pos,pago contanti,pago ,non pago,... basterà che il libero professionista aumenti di 3 euro il prezzo di vendita, ed oplà.... il cittadino lo prende in c..o...!! anche questo giro, grazie governo incompetente,e bugiardo...!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog