Cerca

La circolare

Quanto ci costano gli immigrati

Una circolare di un foglio spedita dalla prefettura. L'oggetto è chiarissimo: "Afflusso di cittadini stranieri a seguito di ulteriori sbarchi". In pratica un invito ai sindaci ad ospitare, soprattutto dopo l'ultima ondata di sbarchi, gli immigrati che arrivano nel nostro Pese. "Un afflusso, si legge nella circolare, destinato a incrementarsi durante questa stagione estiva".  Lo Stato chiede ai Comuni di individuare delle strutture che possano accogliere gli stranieri e si impegna a versare un contributo di 30 euro oltre l'Iva al giorno per ciascuno straniero che chiede asilo politico.  I

Il tariffario - Comuni, si legge, saranno selezionati in base al possesso di requisiti minimi che saranno valutati in base ai seguenti criteri:  importo per il servizio di accoglienza di 30 euro oltre IVa "che comprenda il vitto (rispettoso dei principi e delle abitudini alimentari) e l'alloggio assistenza alla persona, compresa la mediazione linguistica, l'informazione, l'orientamento e l'assistenza alla formalizzazione della richiesta di protezione internazionale; servizio di pulizia, fornitura di biancheria e abbigliamento adeguato alla stagione, prodotti per l'igiene e pocket money di 2,50 al giorno; tessera di ricarica telefonica di 15 euro all'ingresso. 

La reazione - Giorgio Bontempi, sindaco di Agnosine, un comune di 1900 anime della provincia di Brescia è uno dei tanti sindaci che ha ricevuto la lettera. "Trovo offensiva questa lettera. Soprattutto per le comunità piccole come la mia che si trova a fronteggiare anche il taglio dei fondi da parte dello Stato centrale". Bontempi, che è un commercialista, ha fatto due calcoli: "30 euro al giorno, più l'Iva più 2.50 al giorno di pocket money fanno 39,10 euro al giorno. 1173 al mese. Noi abbiamo 126mila disoccupati nella provincia di Brescia, 134mila cassintegrati a zero, se debbo ricevere delle somme dallo Stato preferirei darli alle tante persone che non arrivano a fine mese piuttosto che a dei poveri cristi che credono di venire qui e trovare l'America". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • impeesa81

    08 Luglio 2014 - 12:12

    il povero sindaco pero' non sa che questi soldi sono dati non dallo stato ma dalla EU , che non ha stanziato solo i 30 al giorno ma molto piu' , ovviamnte qualche cosa deve restare in tasca allo stato , poi ovviamente questo commercialista, che pero' non credo si sappia fare bene i conti non capisce che questi 30 euri al giorno, ovviamente se spesi bene da chi li amministra danno lavoro sul posto

    Report

    Rispondi

  • milibe

    07 Luglio 2014 - 14:02

    le nostre risorse devono essere usate per i NOSTRI connazionali che hanno bisogno, senza se e senza ma, quando avremo risolto i problemi dei NOSTRI che hanno bisogno aiuteremo anche gli immigrati

    Report

    Rispondi

  • iuchi

    07 Luglio 2014 - 14:02

    Ci sono italiani che hanno perso il lavoro da anni anche se hanno sempre lavorato prima e pagato fior di quattrini di tasse. Questo italiani vivono nelle loro automobilio da anni e hano perso la loro dignità di uomini. E' giusto aiutare gli altri lasciando abbndonati i nostri compaesani? La Kyenge deve finirla di pensare solo agli stranieri e riluttare gli italiani. Bisogna scendere in piazza!!

    Report

    Rispondi

  • iuchi

    07 Luglio 2014 - 14:02

    Bravo sindaco Giorgio Bontempi tu sei uno dei pochi che capisce come stanno le cose dato che metti i tuioi cittadini prima degli stranieri, chiunque siano gli uni o gli altri. Se tutti facessero in questo modo forse ci salveremo da questa onda invasiva che stiamo sopportando da anni e anni. Basta! Bisogna fermare l'invasote a tutti i costi senza pietismi di nessun genere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog