Cerca

Le nuove leggi

Il nuovo codice della strada: ecco cosa cambia

Il nuovo codice della strada: ecco cosa cambia

E' stato approvato il testo della legge delega sul nuovo codice della strada che deve poi ottenere l'ok del Senato.  Se non ci saranno intoppi il governo avrà un anno di tempo circa per mettere nero su bianco il nuovo codice della strada. Ecco le principali novità:

 Omicidio stradale . Ergastolo della patente per chi si renderà colpevole di omicidio colposo mentre era alla guida con alto tasso alcolemico o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. Ritiro della patente anche in caso di omicidio colposo con più vittime o morte di una persona e lesioni di una o più lesioni. 

Car pooling - Un'altra novità riguarda il car pooling che sarà regolamentato come “servizio di trasporto, non remunerato, basato sull’uso condiviso di veicoli privati tra due o più persone che debbano percorrere uno stesso itinerario, o parte di esso, messe in contatto tramite servizi dedicati forniti da intermediari pubblici o privati, anche attraverso l'utilizzo di strumenti informatici”. 

Assicurazione -  Il nuovo Codice della strada, inoltre,  favorirà l'utilizzo di sistemi telematici che consentano di controllare lo stato della revisione, l’esistenza e la validità dell'assicurazione Rc, nonché se il veicolo è oggetto di denuncia di furto oppure è sottoposto a misure quali il sequestro o la confisca penale. Inoltre, saranno inasprite le sanzioni per chi circola senza Rc auto o con l’assicurazione scaduta.

Proventi dalle multe, parcheggi e biciclette-  Una quota non inferiore al 15% dei proventi delle multe andrà in un fondo per finanziare i controlli e la sicurezza stradale. Sarà revisionata l’attuale normativa relativa alla sosta tariffaria con l’introduzione di multe proporzionali ai tempi di permanenza illegittimi e con una soglia di tolleranza non soggetta a sanzione. Ciascun comune, poi, potrà riservare appositi spazi per il parcheggio delle donne in gravidanza e di chi trasporta bambini di età non superiore a due anni. Qualche novità riguarda anche le biciclette: potranno essere parcheggiate in aree riservate ai pedoni (marciapiedi), purché non rechino intralcio o pericolo. Inoltre, sarà introdotta la possibilità di svolgere servizio di taxi con velocipedi.

Neopatentati -  Sarà abolita la norma che prevede il divieto di guidare, nel primo anno di patente, auto con più di 70 kW e oltre 55 kW/tonnellata.  il limite sarà ridotto a sei mesi e, anche durante questo periodo, si potrà “aggirare” se al fianco del neopatentato ci sarà una persona di età non superiore a 65 anni in possesso di patente B o superiore. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tantù

    20 Giugno 2015 - 00:12

    io dico che anche i ciclisti e pedoni debbano avere , non una patente ma almeno ma aver frequentato un corso di buone maniere stradali . non è possibile che un pedone , mentre si appresta ad attraversare la strada sulle strisce vede arrivare un auto e dietro il vuoto si debba buttare invece di aspettare il suo passaggio . si dice che le strisce siano un muro ma bisogna fargli capire che non è vero

    Report

    Rispondi

  • silvano45

    21 Dicembre 2014 - 11:11

    questi politici credo oltre che incompetenti sono molto molto incapaci continuano a fare leggi, ne abbiamo quante tutti i paesi dell'europa messi insieme, ma poi nessuno li fa rispettare,ora con la depenalizzazione di gran parte dei delitti ..........la polizia guardaerà a ragione dall'altra parte e la magistratura tinta di rosso assolverà i delinquenti e metterà sotto processo le vittime

    Report

    Rispondi

  • baffodoro

    21 Dicembre 2014 - 10:10

    Che cavolate, così....tanto per "impegnare" QUALCHE SALAME DELLA "MOTORIZZAZIONE" E DEL "COMPARTO" IN GENERALE ! Almeno li tengono "impegnati" ma...... continuano ad essere "a carico" totale della società senza servire a nulla !

    Report

    Rispondi

  • farfallabianca

    12 Ottobre 2014 - 16:04

    Anche le biciclette si devono mettere in regola, sbucano da tutte le parti spesso senza fanali, contromano e in senso vietato. Poi investi il ciclista e sei rovinato per tutta la vita.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog