Cerca

Il caso

Ilaria Cucchi querelata dal sindacato di polizia penitenziaria

Ilaria Cucchi querelata dal sindacato di polizia penitenziaria

Non si fermano le polemiche dopo la sentenza sulla morte di Stefano Cucchi, il 29enne morto il 22 ottobre 2009 a Roma, per percosse e denutrizione, dopo una settimana trascorsa in carcere. Il sindacato di polizia penitenziaria ha depositato una querela nei confronti di Ilaria Cucchi, sorella di Stefano: Donato Capece, segretario generale del Sappe, ha lanciato dure accuse verso la donna e la famiglia di Stefano. "Dopo essersi improvvisata aspirante deputato, prendiamo atto che Ilaria Cucchi vorrebbe ora vestire i panni di pm, magari consegnando quelli da giudice al suo difensore, per confezionare una sentenza sulla morte del fratello Stefano che più la soddisfi".

"Tutte le altre foto?" - Aggiunge Capace: "Bisognerebbe mostrare anche le 250 fotografie scattate prima dell'autopsia, che dimostrano che sul corpo di Stefano Cucchi non c'era nulla, e non sempre e solo quella scattata dopo l'autopsia, che presenta i segni del livor mortis. Non accettiamo giudizi e illazioni contro la Polizia Penitenziaria, i cui appartenenti sono stati assolti due volte dalle gravi accuse formulate nei loro confronti". "Ilaria Cucchi - conclude Capece - vuole istigare all'odio e al sospetto nei confronti dell'intera categoria di soggetti operanti nel comparto sicurezza. Questo non lo possiamo accettare, e per questo abbiamo deciso di adire le vie legali nei confronti della signora Cucchi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lupoWolf

    13 Novembre 2014 - 01:01

    Hanno fatto bene . Solo i compagniucci rossi la possono difendere, questa ipocrita sfruttatrice della morte di suo fratello, un drogato e uno spacciatore. Povera Italia

    Report

    Rispondi

  • kidwiller

    03 Novembre 2014 - 17:05

    Finalmente un sindacato fa qualcosa di buono, io non sono della polizia ma la sorella di Cucchi ha fatto accuse in tutte le salse, pur capendo il suo dramma, non si può accusare qualcuno senza prove certe di colpevolezza, io mi domando per quale motivo carabinieri e poliziotti avrebbero pestato Stefano mentre trovo più plausibile un pestaggio nell'ambito della droga, se pestaggio c'è.

    Report

    Rispondi

  • aiachiaffa

    03 Novembre 2014 - 17:05

    Condivido la reazione morale della Polizia Penitenziaria,per la denuncia alla Cucchi...

    Report

    Rispondi

  • plaunad

    03 Novembre 2014 - 16:04

    Hanno fatto benissimo!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog