Cerca

Processo

Salerno, a processo Lino Renzi, l'uomo che uccise e mangiò la madre dopo l'esorcismo negato

Salerno, a processo Lino Renzi, l'uomo che uccise e mangiò la madre dopo l'esorcismo negato

Lino Renzi è pronto per andare a processo. L'uomo che uccise e mangiò la madre 77enne, Maria Pia Guariglia, per essersi rifiutata di chiamare l'esorcista, è ora processualmente capace. Rimane comunque un soggetto pericolosissimo, quindi la sua situazione va valutata attentamente, soprattutto in vista della chiusura degli ospedali psichiatrici. 

Lo psichiatra - Ha spiegato la situazione del cannibale il docente universitario Antonello Crisci (neuropsichiatra, criminologo e associato di medicina legale all'Università di Fisciano) che, come scrive Leggo, "ha consegnato al gup Elisabetta Boccassini una perizia di circa una quarantina di pagine sulle condizione dell'uomo". Il professor Crisci precisa che "anche se Renzi è consapevole di ciò che ha fatto e sa che deve sostenere un processo, è pur vero che è un soggetto molto pericoloso".

L'avvocato - "Il mio assistito - dichiara invece l'avvocato Paolo Corsaro - per il momento resta ad Aversa ma presto si dovrà valutare dove mandarlo. - e continua - molti istituti penitenziari ancora non si sono ben attrezzati per una valida accoglienza per chi ha problemi psichici come Lino Renzi che, voglio ricordarlo, è e resta schizofrenico". L'uomo, come dimostrano i test psichiatrici svolti dalla dottoressa Nicoletta Sansone, ha un quoziente intellettivo normale. Renzi ha infatti spiegato le sue azioni da cannibale con l'influenza della magia nera. Gli era stata fatta una fattura che lo spingeva ad uccidere le persone. Ma nonostante Lino abbia preso coscienza di sé, resta un personaggio pericolosissimo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • etano

    01 Aprile 2015 - 09:09

    MI pareva che fosse un altro giudice. Si sa, la compagna Boccassin processa solamente l'On Berlusconi e qualsiasi altro rappresentante del Centro Destra, è nel suo dna da squallida esponente della magistratura rossa. Vi ricordate quella foto a Milano nel 1968 che immortalava un terrorista delle brigate rosse pistola in pugno ad altezza uomo? Ora lavora come cancelliere in un tribunale.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    01 Aprile 2015 - 07:07

    Libero gioca sui cognomi "bocassini processa Renzi"... sarà contenda la madre uccisa e divorata dal figlio che la sua storia faccia divertire i giornalisti di Libero...

    Report

    Rispondi

    • blues188

      01 Aprile 2015 - 10:10

      Chry, rispondo almeno a tono: lo ospiti tu uno dei matti rilasciati dalle leggi rosse? Sei disposto o non ti interessa dare il tuo contributo, lasciandolo ad altri la triste incombenza?

      Report

      Rispondi

blog