Cerca

Regioni

La mappa dell'Istituto di Geofisica sulle zone a rischio sismico, ecco quelle che possono ospitare un deposito di scorie nucleari

La mappa dell'Istituto di Geofisica sulle zone a rischio sismico, ecco quelle che possono ospitare un deposito di scorie nucleari

L'espressione "deposito di scorie nucleari" fa sempre discutere e le paure legate al tema sono tante. Ora però, grazie ai dati elaborati dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, sarà possibile verificare se i luoghi adatti alla costruzione del deposito si trovano in una regione piuttosto che in un'altra. Il criterio scelto è quello del rischio sismico: più una regione è soggetta a terremoti, più sarà difficile che, per ragioni di sicurezza, sul suo territorio sorga una struttura che ospita scorie. 

Chi rischia - Il 70% degli italiani può stare sereno. Una grossa area dello Stivale, per la sua conformazione geologica, non è adatta ad ospitare lo stabilimento. Ci sono alcune regioni però che sono molto sicure e meno soggette a sismi. Per questo motivo sono state giudicate idonee alla costruzione. Si tratta della parte meridionale della Puglia, di zone circoscritte della Basilicata ionica e del Molise, ma anche di alcune zone costiere della Campania, del Lazio e della Toscana. Queste candidate verrebbero ulteriormente ridotte, in un secondo momento, applicando altri criteri di sicurezza come quello, per esempio, che fissa una distanza minima dalla costa di 5 chilometri.

Chi si salva - Saranno invece totalmente escluse dall'eventuale costruzione tre regioni ad alto rischio sismico. Le fortunate sono Marche, Umbria ed Emilia Romagna. Qui le scorie nucleari non arriveranno mai. Rimangono comunque altre speranze per le regioni che non sono state totalmente escluse. Bisogna infatti considerare che verranno applicati altri 25 criteri oltre a quello del rischio sismico e quindi ci saranno altri territori al sicuro dal nucleare. La Valle D'Aosta e le aree più a nord di tutta Italia sarebbero già salve, se si tenesse conto dei vincoli di latitudine fissata a 700 metri sul livello del mare.

I lavori - La Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti però, non è d'accordo con tutte queste restrizioni. "Non è che non si può fare un deposito in aree dove c’è rischio sismicità, bisogna solo costruirlo con le caratteristiche idonee", sostiene il presidente della commissione, Alessandro Bratti del Pd. Bratti ha anche espresso la sua preoccupazione per i tempi lunghi che la questione sta prendendo con il governo che ha iniziato solo una campagna pubblicitaria sul tema, ma non lavori concreti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi0000

    13 Ottobre 2015 - 10:10

    Tempo fa scrissi un'articolo, volutamente provocatorio, che mostrava, con tanto di calcoli, l'utilità delle scorie nucleari se ben utilizzate per lo sfruttamento della loro radioattività residua, tutt'altro che trascurabile. La repulsione fobica di tutto il nucleare è soprattutto irrazionale, mentre un uso corretto escluderebbe i pericoli. Es: a Fukushima mancava un generatore d'emergenza in alto

    Report

    Rispondi

  • ubiqus

    12 Ottobre 2015 - 21:09

    Chi scrivi questi articoli la cartina che usa la guarda? Perchè non viene citato il nord che pare essere, esclusa la parte più ad est, adattissimo. A parte questo mistero mi volete spiegare le scorie nucleari di chi l'italia dovrebbe smaltire ci avete detto che l'italia non può avere il nucleare perchè fa male e oltre a doversi pagare l'energia fatta da altri dobbiamo anche smaltire il nucleare?

    Report

    Rispondi

blog