Cerca

Integrazione all'italiana

Milano, si parla di Islam a scuola e i musulmani se ne vanno: "È già tutto scritto nel Corano"

Milano, si parla di Islam a scuola e i musulmani se ne vanno:

Si fa presto a parlare di integrazione. I guai arrivano se c'è chi non è disposto ad ascoltare. Quanto andato in scena nell'aula magna dell'Istituto tecnico commerciale Schiapparelli di Milano fornisce un esempio inquietante: circa 300 studenti delle ultime due classi, di età compresa tra i 17 e i 19 anni, sono riuniti a parlare di Isis e Islam. Sul palco siedono due giornalisti del Corriere della Sera e i rappresentanti degli studenti. In platea c'è anche una quarantina di giovani musulmani: sono loro a far scattare le proteste. 

"Il Corano dice tutto" - Si sta parlando di guerra per la successione tra sunniti e sciiti, tema più storico che religioso. Amina, di religione islamica, si alza e prende la parola: "Chi l'ha detto che sciiti e sunniti si scontrano sulla successione? Per l'Islam non ci può essere successore di Maometto. E comunque è tutto spiegato nel Corano. Non servono altri libri, il Corano spiega tutto, dice tutto". I relatori cercano di spiegare che il Corano è stato scritto prima dello scisma, e dunque difficilmente potrebbe fornire una spiegazione "laica" di quanto accaduto nella storia. Ed è questo il problema: di "laico", i giovani musulmani presenti nell'Aula magna, sembrano avere poco o nulla. "Sono una quarantina di studenti musulmani che la appoggiano sempre quando parla. Per noi è davvero difficile replicare. In genere gli studenti italiani restano zitti, non sanno bene cosa dire, non hanno argomenti", spiega Andrea, uno dei due rappresentanti di istituto.

Fuori dall'aula - I giornalisti del Corriere sottolineano come il mondo occidentale sia impregnato di cultura rinascimentale e illuministica, da Voltaire a Rousseau, e che per il nostro mondo sia scontato farsi domande e avere dubbi su tutto, religione in testa. Amina e i ragazzi musulmani, però, escono dall'aula. La loro visione della religione non ammette contestazioni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • omoqualunque

    09 Dicembre 2015 - 16:04

    E c'erano dubbi ? Perchè non si va a vedere chi ha indottrinato la studentessa ed i suoi sostenitori? Perchè nelle lezioni di storia e filosofia non si tratta la materia e con interrogazioni se ne accerta la conoscenza, mettendo i voti?

    Report

    Rispondi

  • Angelalbert

    07 Dicembre 2015 - 10:10

    un islamico moderato è un islamico morto.

    Report

    Rispondi

  • libero14

    06 Dicembre 2015 - 18:06

    2/2 - La ragazzotta Amina (Aminata ?) si consideri pertanto rassicurata, infatti noi abbiamo capito tutto, ma proprio tutto. Dubito invece che lei ed i suoi 40 osannanti abbiano capito gran che visto che il Corano si applica, attua, ottempera sic-et-simpliciter (ivi compreso menomazioni, frustate, lapidazioni) esattamente come qualche 1.400 anni fa; senza se e senza ma.

    Report

    Rispondi

  • libero14

    06 Dicembre 2015 - 18:06

    "Non servono altri libri, il Corano spiega tutto" – INFATTI. Quando chiesero al conquistatore arabo cosa fare dei libri della biblioteca di Alessandria, la risposta del califfo fu (cito a memoria) : "O quei libri contengono cose già presenti nel Corano, allora sono inutili e vanno bruciati; o contengono cose non presenti nel Corano allora sono dannosi e vanno bruciati" (e via un bel falò). – Segue

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog