Cerca

Recensione ideologica

E il partigiano Gad
giustifica le esecuzioni

Gad Lerner

Gad Lerner

di Francesco Borgonovo

Dev’essere una sorta di contrappasso: un «gendarme della memoria», per usare l’espressione di Giampaolo Pansa, che viene processato da un altro gendarme. Lo storico Sergio Luzzatto, nel 2006, scrisse sul Corriere della Sera un articolo su Pansa che definire feroce è riduttivo. Si trattava di una recensione a La grande bugia,  imputato in quanto libro «revisionista». Bene, ora a Luzzatto vengono rivolte le stesse accuse, sebbene con toni più garbati: dopo tutto,  è un intellettuale della sinistra bene. Anche se, guarda che strano, stavolta è costretto a pubblicare non per Einaudi, come suo solito, ma per i cugini cattivi di Mondadori, quelli in odore di berlusconismo.   

Ieri, su Repubblica, Gad Lerner ha trattato l’ultimo volume di Luzzatto (Partigia. Una storia della resistenza) proprio come un libro revisionista,  poiché racconta un episodio poco noto della resistenza che ha tra i protagonisti Primo Levi. Ovvero l’esecuzione a sangue freddo di due ragazzi, Fulvio Oppezzo e Luciano Zabaldano da parte del gruppo armato di cui Levi faceva parte. Gad non  ha stroncato il testo.  Non poteva, visto che è un tomo molto documentato che prende in esame vicende la cui veridicità non è in discussione. Però, per sminuirlo, gli ha mosso alcuni dei rimproveri che lo stesso Luzzatto muoveva a Pansa. Ha seguito alla lettera il  manuale del censore. Non ci credete? Vediamolo. 

Punto primo: il libro non racconta nulla di nuovo. Lo scrisse Luzzatto parlando dei testi di Pansa. «Dal punto di vista dei contenuti», scriveva lo storico nel 2006, «il libro ripete cose che si sanno. Che sono state dette e ridette, scritte e riscritte, interpretate e reinterpretate». Di più: tutti i libri di Pansa «raccontano sempre la stessa vicenda», sono «tonnellate di carta copiativa».   Sapete che dice ora Lerner di Luzzatto? Secondo Gad, Partigia è «un’indagine che non ha molto da rivelare sul piano storico - le atrocità sulla resistenza come guerra civile sono già dissodate». E ancora: «Non aggiungerebbe nulla di nuovo sul piano della ricostruzione storica e del giudizio morale». La conclusione è facile: visto che tutti (chi, di grazia?) conoscono già queste storie, meglio non parlarne. Proprio come sostiene Lerner quando afferma che il libro di Luzzatto sollecita «a una discutibile revisione iconografica e sentimentale». 

Punto secondo: cui prodest?   Ecco l’accusa più infamante: questi libracci revisionisti servono solo a far propaganda politica, a stuzzicare i nostalgici. Scriveva nel 2006 Luzzatto che «il profilo merceologico del cliente di Pansa coincide con quello del cliente dei volumi di storia di Bruno Vespa (un giornalista che pure, in confronto a Pansa, torreggia come un gigante della storiografia)». Poi aumentava il carico, spiegando che «fra gli aficionados di Pansa, un nocciolo duro (...) è dato dagli ex del Fascio e di Salò», i quali «riconoscono nelle sue accuse contro il movimento partigiano e contro i delitti dei “comunisti” una forma di risarcimento per le loro scelte di sessant’anni fa». Per Luzzatto, «la audience giampaolopansista corrisponde al ventre molle di un’Italia  anti-antifascista (...). L’Italia innamorata di Pansa è una morosa che non fa invidia».  Ecco, adesso Lerner scrive di Luzzatto: «Adopera qui anch’egli il termine dispregiativo “vulgata resistenziale” che tanto gratifica gli iconoclasti (già me li vedo intenti finalmente a demitizzare il grande scrittore della Shoah)». Guarda un po’: anche Luzzatto fa il gioco del ventre molle dell’Italia? Incredibile. Sarebbe interessante conoscere i sentimenti dello storico, ora che i suoi amici gli rivolgono assalti simili a quelli che lui rivolgeva a Pansa.

Ma nell’articolo di Lerner ci sono altri passaggi interessanti, in cui si giustifica l’esecuzione dei  partigiani. Lo stesso Levi, nel Sistema periodico, la descriveva con profonda commozione, spiegava di esserne uscito distrutto. E Gad sostiene: «Cosa pretendere di più, in sincerità e tormento?». Vero, ma allora perché uno storico dovrebbe lasciare sepolto quell’episodio?  Due giovani accoppati con una fucilata alle spalle per - parole di Lerner -  «indisciplina grave, minacce armate, forse anche un furto». Roba che merita una sommaria condanna a morte?  A quanto pare sì, visto che i due ammazzati erano, secondo Gad, «ragazzi sbandati che le circostanze avevano reso incompatibili con le regole della guerra partigiana». Sai, se sono incompatibili, vanno fatti fuori.   Che cinismo, l’amico Lerner. Ma, dopo tutto, lui è quello che, il giorno dopo il suicidio di David Rossi di Mps, si domandava sul suo blog: «Come mai così in pochi?», stupendosi che non ci fossero politici e manager italiani disponibili alla pratica. Chissà, magari al problema si potrebbe ovviare con una bella esecuzione in stile sovietico. Due colpi alle spalle, e non se ne parli più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gattolibero50

    17 Aprile 2013 - 17:05

    gad comunista di merda.

    Report

    Rispondi

  • gioch

    17 Aprile 2013 - 16:04

    ...fa parte dell'intellighenzia(i cinquanta saggi del famoso programma))della sinistra.Democraticissimo personaggio ,filo proletario con quintali di letame sotto il naso,ma che ama viaggiare(un tempo)con l'elicottero dell'Avvocato o(di questi tempi)con la barca dell'altro ebreo rosso-tessera nr.1-Campione del mondo operaio.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    17 Aprile 2013 - 14:02

    e nemmeno li capiamo questi malati, noi che che siamo nati dopo la guerra che non è stata altro che uno dei tanti episodi schifosi della storia dell'uomo. E non credo che i campi nazisti fossero peggio delle miniere in cui gli indios americani sono morti a milioni per scavare l'argento e l'oro dei conquistadores spagnoli.. oppure peggio dello schiavismo.... solo che gli indios di oggi hanno Meno soldi degli ebrei di oggi. E' tutta quì la differenza tra questi genocidi, dei quali si ricorda solo quello di chi ha soldi. Noi giovani è questo quello che capiamo, e non certo le buffonate dei Lerner...

    Report

    Rispondi

  • montesirai2013

    17 Aprile 2013 - 14:02

    continua il verminaio di Ugly Gad ......... striscia davanti a CDB .... striscia nella vita ....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog