Cerca

Viaggi della disperazione

I migranti rifiutati da Malta
hanno trovato rifugio in Italia

Il governo Maltese aveva impedito a un gommone alla deriva con 102 persone a bordo di attraccare alle sue coste. Letta interviene per farli arrivare nel nostro Paese

Migranti salvati in mare

Migranti salvati in mare

L'Italia ha acconsentito allo sbarco dei 102 migranti a bordo di un gommone in avaria che Malta aveva rifiutato di accogliere nonostante le pressioni Ue. Lo ha reso noto il governo maltese. I migranti, tra cui un bimbo di 5 mesi e quattro donne incinte, alla deriva su un un gommone gravememte danneggiato erano stati tratti in salvo lunedì da una petroliera battente bandiera liberiana, la Salamis, al largo delle coste libiche. In un comunicato diffuso nella notte, Malta ha reso noto, che il natante, che era stato fatto ormeggiare al largo dell'isola in acque internazionali, si sta dirigendo verso le coste siciliane, a Siracusa.  "Questo sviluppo c'è stato perchè le autorità italiane hanno accettato di accogliere i migranti che sono a bordo e fa seguito ai contatti diplomatici tra i governi italiani maltese e greco", ha spiegato il governo. Il premier maltese, Joseph Muscat, ha ringraziato personalmente il capo del governo, Enrico Letta. "La posizione di Malta in questa crisi è sempre stata forte, coerente e legittima. Attraverso questa posizione, Malta ha inviato un messaggio forte", ha aggiunto Muscat.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    08 Agosto 2013 - 03:03

    gli ordini giunti sia da Roma che da Malta , di sbarcare i clandestini da dove erano partiti ( Libia)e abbia proseguito il viaggio verso Malta prima e la Sicilia poi.Chissà se prima o poi a qualcuno verrà in mente che, forse, la piccola Italia e la piccola Europa occidentale non possono ospitare i miliardi di abitanti dell'Africa , del MO , dell'Asia...

    Report

    Rispondi

  • ariete84

    07 Agosto 2013 - 21:09

    per agevolare l'estensione dell'Africa, la ministra Kyenge che sta in questo momento parlando alla televisione dice di voler portare avanti la sua Mission: jus soli, abolizione del reato di clandestinità (quindi liberi tutti), abolizione dei CIE.

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    07 Agosto 2013 - 20:08

    in australia c'è il labour party,e pure hanno respinto un natante con 1590 clandestini iraniani a bordo!la legalità viene prima nel resto del mondo!

    Report

    Rispondi

  • primus

    07 Agosto 2013 - 20:08

    Sono contento che oggi tu abbia compreso che anche in altre parti del mondo venga rifiutata l'accoglienza dei clandestini africani. Non esiste uno stato europeo che si affacci nel Mediterraneo che continui a promuovere l'immigrazione clandestina pelosa assistenzialista della sinistra italiana. Ma se tanto ci tenete a questi clandestini prendeteveli e ve li portate a casa vostra, gli date da mangiare e da dormire...e chissà farete felice qualcuna....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog