Cerca

Con i nostri soldi

Immigrazione, Alfano: "Al via operazione Mare Nostrum"

L'operazione ci costerà 1,5 milioni al mese. In campo navi, droni e aerei. I migranti saranno "accompagnati" in Italia. Il tutto a spese nostre

Immigrazione, Alfano: "Al via operazione Mare Nostrum"
Dovevamo inasprire le misure sull'immigrazione per far fronte all'emergenza sbarchi e invece con il piano "Mare nostrum" varato dal Consiglio dei Ministri, incentiviamo chi cerca di arrivare clandestinamente nel nostro Paese. Di fatto, con uno sforzo di uomini e di risorse sarà incrementato il servizio di scorta e di soccorso per i barconi che attraversano quotidianamente il canale di Sicilia. Mare Nostrum "sarà un'operazione militare ed umanitaria e prevede il rafforzamento del dispositivo di sorveglianza e soccorso in alto mare per incrementare il livello sicurezza delle vite umane", ha spiegato il ministro della Difesa, Mario Mauro. Il ministro ha annunciato che nell'operazione di sorveglianza e soccorso nel Mediterraneo verranno anche usati i droni, gli aerei senza pilota, oltre ad elicotteri con strumenti ottici ad infrarossi.

"La Marina per i migranti"
- Insomma mentre l'Europa resta a gurdare, l'emergenza sbarchi resta tutta sulle spalle dell'Italia che, mettendo mani al portafoglio, dovrà affrontare da sola l'ondata di migranti che arriva sulle nostre coste: "Utilizzeremo per la prima volta una nave anfibia che ha la capacità di esercitare il comando e controllo, con elicotteri a lungo raggio, capacità ospedaliera, spazi ampi di ricovero per i naufraghi. Avremo 4 altre navi della Marina: due pattugliatori e due fregate" e altri velivoli, ha sottolineato Mauro. Anche il premier Enrico Letta conferma che "l'impegno italiano per soccorrere i migranti aumenterà".

Ci costa 1,5 milioni al mese
- Ma il piano di palazzo Chigi per fermare l'emergenza sbarchi sbatte sul muro dei costi. Quanto ci costerà "soccorrere e scortare" i barconi? Circa 1,5 milioni di euro al mese. Il minsitro degli Interni, Angelino Alfano, ha provato a a fare i conti: "Le risorse per dare il via all'operazione 'Mare Nostrum', con la quale il governo italiano si propone di dare una risposta all'emergenza immigrati nel Mediterraneo, e per la quale occorreranno circa 1,5 milioni al mese, non richiederanno ulteriori coperture economiche", ha spiegato Alfano, in conferenza stampa. "Ci sono i bilanci dei rispettivi ministeri che servono a coprire queste cose: e' a valere sui fondi dei rispettivi ministeri. L'Italia rafforza la protezione della frontiera esterna e quando si calcolano i costi bisogna capire quanto l'Italia si troverebbe a spendere se non si sostenesse la missione". Per il ministro dell'Interno, "c'e' da tenere presente anche l'effetto deterrenza sui mercanti di morte" e "l'azione esercitata dalle forze dell'ordine e dalla magistratura con l'arresto degli scafisti e il sequestro delle navi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agenuardi

    26 Agosto 2014 - 15:03

    una massa di DEFICIENTI nelle istituzioni italiane.

    Report

    Rispondi

  • scorpio53

    22 Luglio 2014 - 16:04

    ma a questo punto: a che c....zo servono l'esercito, la marina, l'aviazione e tutti gli altri corpi militari se anche senza armi chiunque può invadere il territorio italiano????? siamo l'unica nazione al mondo che mette a disposizione il proprio esercito per farsi invadere e aiutare gli invasori a saziarsi con le nostre tasse!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • blackindustry

    08 Giugno 2014 - 20:08

    Ma scusate, a questo punto si fa prima ad aprire una succursale di Tirrenia ed Alitalia sulla costa Libica e siamo a posto! Ovviamente gratis, tanto paghiamo noi. Ca**o ma possibile che gli italiani siano una cozzaglia di gente così stupida ed ottusa? E' proprio vero che la Natura non fa sconti ai perdenti: ora siamo noi a porci da prede,ed i predatori ci stermineranno culturalmente e fisicamente.

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    17 Ottobre 2013 - 10:10

    l'umana comprensione per le vittime, sia quelle morte che quelle vive e che, quest'ultime, andrebbero aiutate nei loro paesi. Ma, grazie all'imponente servizio di scorta e soccorso gentilmente messo a disposizione dal governo Letta/Alfano/Mauro e pagato da noi contribuenti, le traversate saranno più sicure e confortevoli, quindi meno rischiose, di conseguenzza il prezzo del biglietto costerà molto di più ai "passeggeri". Gli scafisti ringraziano! Se poi passa l'abolizione del reato di clandestinità, i predetti scafisti ringraziano due volte perchè se non c'è reato non c'è neppure la pena e quindi il rischio di arresto. Di conseguenza saranno incentivati a raddoppiare le corse giornaliere verso il "mare nostrum" .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog