Cerca

Riforma Gelmini congelata. La protesta degli studenti a Montecitorio

Mancano le risorse per coprire le 9mila assunzioni. La soluzione di Bersani: "Si vendano le frequenze tv"

Riforma Gelmini congelata. La protesta degli studenti a Montecitorio
La commissione Bilancio della Camera ha deciso di rinviare a dopo la Finanziaria il parere sulla riforma Gelmini. La riforma era il secondo punto della riunione di stamattina ma i deputati hanno stabilito di mettere da parte il provvedimento fino a nuovi chiarimenti sulle coperture. Non si esclude che la tanto sbandierata riforma, uno dei cavalli di battaglia della politica del fare dell'esecutivo Berlusconi, sia ripescata con il decreto milleproroghe in dicembre. Un passo indietro nel governo che sta creando tensione tra i ministri. Al punto che lo stesso Berlusconi si sarebbe detto pronto a mediare tra Gelmini e Tremonti, per fare in modo che la riforma vada davvero in porto.
Intanto gli studenti, come promesso, stanno assediando Montecitorio. Alcuni hanno ammesso di essere contenti per lo stop da parte del consiglio dei ministri alla riforma. Meglio nessuna riforma che una cattiva riforma, è la spiegazione.

Casse vuote  -
Il ministero del Tesoro ha fatto sapere ieri che gli emendamenti inseriti sono tali "pregiudicare la stabilità dei conti di finanza pubblica". Particolarmente critici sarebbero quelli che porterebbero a nuovi concorsi per i 9 mila professori associati. Il Mef ha sottolineato che il fondo a cui si vorrebbe attingere (quello per gli interventi strutturali di politica economica) è impegnato per l’attuazione della manovra di bilancio relativa al 2011.
Il ministero pone anche problemi sulla modifica che prevederebbe una retribuzione aggiuntiva per i ricercatori che prendono in carico corsi o moduli di corsi. Bocciato anche l’emendamento che riguarda la possibilità per gli studenti da 110 e lode di non restituire eventuali prestiti d’onore richiesti al fondo.  Il ministero è poi critico sull'istituzione di un comitato nazionale dei garanti della ricerca che potrebbe portare a nuove spese per la finanza pubblica e sull'obbligo che gli assegni di ricerca non siano inferiori a 20.000 euro all'anno. Di queste problematiche si parlerà ancora non giovedì, bensì venerdì. Un altro rinvio che illustra alla perfezione l'aria pesante che si respira in Parlamento sulla riforma dell'università.

La soluzione di Bersani - Una proposta per reperire fondi arriva dal leader del Pd Pierluigi Bersani: si potrebbe avere "un forte aumento delle risorse per la scuola e l’università mettendo in vendita le frequenze liberate dalla transizione al digitale, come fece già il governo dell’Ulivo nel 2001  con le licenze Umts.  I Paesi che hanno messo a gara le frequenze - dichiara Bersani al Corriere - hanno incassato un bel po' di miliardi. Potremmo spenderli a favore dei migliori atenei, per i piani di ricerca ben selezionati, per investimenti nel diritto allo studio e per la realizzazione di infrastrutture scientifiche nel Mezzogiorno che solo con la politica della conoscenza può rimettersi in cammino". Presentata dal governo come il "trionfo della meritocrazia", la riforma-Gelmini dell’università è in realtà un "monumento alla burocrazia".

Assedio a Montecitorio - Intanto continuano le proteste del mondo della scuola. Dopo le manifestazioni di venerdì  8 ottobre, nelle università italiane si continua a respirare un clima di tensione. L’Unione degli Universitari ha annunciato che dal 14 ottobre, giorno di inizio della discussione del ddl alla Camera, presiederà davanti a Montecitorio. “La riforma Gelmini rappresenta la morte dell’Università pubblica, della ricerca di qualità, del diritto allo studio” si legge sul sito in cui si invitano tutti i giovani a raggiungere Roma. D’accordo con ‘l’assedio’, Link-coordinamento universitario. "I cortei partecipanti della scorsa settimana ci danno lo slancio necessario per continuare la protesta contro i tagli e il ddl Gelmini – ha detto Elena Monticelli, responsabile di Roma - che rappresenta l'atto finale del processo di privatizzazione dell'università e dello smantellamento del diritto allo studio."
Intanto molti atenei sono stati occupati.

La Sapienza, Roma – In assemblea, lunedì 11 ottobre,  la facoltà di Ingegneria ha deciso per l’occupazione per dare una svolta alla protesta. Durante la settimana ci saranno incontri, dibattiti, lezioni in piazza a Montecitorio. “ Siamo studenti e ricercatori che dal 27 settembre difendono l'università pubblica demolita dalla legge 133 del 2008, dal DDL 1905 ora in approvazione e più in generale dalle politiche di privatizzazione degli ultimi 20 anni” hanno spiegato. Giovedì 14 ottobre parteciperanno all’assedio di Montecitorio e il 16 si uniranno alla grande manifestazione della Fiom.
Lettere e Filosofia, Arezzo – Gli studenti del comitato UniSim hanno occupato il campus universitario del Pionta. I giovani dicono che la loro è più “la creazione nelle aule di questo spazio, di un laboratorio aperto denominato Auto Facoltà”. In una nota spiegano che si tratta di un luogo aperto, “gestito con l'appoggio di docenti, ricercatori ed esterni all'Università” e comprenderà “anche un laboratorio si documentazione audiovisivo e un cineforum”.
Alma Mater, Bologna – I ricercatori hanno indetto una settimana di proteste in tutte, o quasi, le facoltà dell’ateneo. “Una nostra rappresentanza – aggiungono – andrà anche a Roma per protestare con gli altri ricercatori e non ci fermeremo nemmeno se la legge passerà. Continueremo a dar battaglia".
Università di Padova – Sciopero fino al 18 ottobre nelle facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali. La protesta dura da settimane con scioperi della fame, esami e lauree di notte, manifestazioni con il lutto al braccio. Molti ricercatori hanno ritirato la propria disponibilità a insegnare e i presidi sono costretti a tagliare o accorpare gli insegnamenti.
Unione degli Universitari, Parma – I ragazzi dell’associazione, insieme ai ricercatori dell’Università degli Studi di Parma, stanno facendo volantinaggio agli ingressi del campus. L’obiettivo è quello di “informare il personale universitario e soprattutto tutti gli studenti che oggi incominciano il loro anno accademico". La mobilitazione di Parma continuerà con assemblee e iniziative locali. I ricercatori hanno poi fatto una promessa: il 14 ottobre saranno tutti presenti a Montecitorio.
Università di Bari – La protesta ha stravolto il calendario delle lezioni: 456 ricercatori su 726 hanno depositato la dichiarazione di indisponibilità a insegnare. "Noi stiamo agendo in piena legalità, rifiutandoci di assumere carichi didattici aggiuntivi – hanno detto - non possiamo essere tacciati di interruzione di pubblico servizio". Più di 600 corsi sono a rischio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tarozzo

    22 Dicembre 2010 - 10:10

    Finalmente una riforma efficace che spazza via una marea infinita di ladri, fannulloni, incapaci, infiltrati e la pericolosa MAFIA del "baronato". I sei punti fondamentali della riforma cambieranno per sempre la faccia dell'università italiana: Nuovi limiti per il rettore - La carriera dei professori - I ricercatori - I controlli sui conti - La gestione delle facoltà - Le misure per gli studenti. Consiglio quindi agli studenti di leggere con attenzione i sei punti della riforma per capire meglio di cosa si tratta. 22 dicembre 2010, questo è un grande giorno.

    Report

    Rispondi

  • giangi46

    14 Ottobre 2010 - 15:03

    Il congiuntivo imperfetto -signor Osti- mi pare possa essere usato nelle frasi secondarie seguenti quelle indicative.E poi ....faccia il professorino a scuola, perchè i ragazzi ne hanno tanto,tanto bisogno. Insegni loro (per favore,logicamente) il congiuntivo, perchè- come Le sarà noto- il 64% dei diplomati (!) non sà coniugare neanche i verbi più usati ed storpia semplicemente i congiuntivi .Anche Lei avversa la riforma,vero? Forse ... i professori anti-Gelmini amano più correggere gli ultrasessantenni come me, piuttosto che insegnare ai nostri nipoti a scrivere un curriculum senza lasciare increduli i loro lettori!

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    14 Ottobre 2010 - 15:03

    Ne ho le p@lle piene della tua supponenza,io ho una figlia che si è laureata a Padova nella facoltà di psicologia,e esercita nella medesima città! Ti garantisco che era iscritta a un movimento universitario di destra,e lei è di destra! Dei vari tumulti che gli studenti di sinistra hanno organizzato in quella facoltà negli anni passati(fine anni 90 primi anni 2000)lei ha aderito a un solo "sgancio",e sono state decine le manifestazioni susseguitesi in quegli anni... Lei,mi ha garantito che la maggior parte degli studenti era interessata al prosieguo delle lezioni,ma i più "bordellari"della sinistra rompevano i ritmi delle lezioni occupando la sua e le altre facoltà padovane...costringendoli a uscire dalle aule!(Nell'indifferenza della maggior parte dei docenti di sinistra presenti!)Amico mio biforcuto non raccontare frottole,la scuola è in mano a degenerati che non hanno una chiara visione del futuro! Lei stessa mi ha autorizzato a un confronto con te,doppia lingua,fammi sapere!

    Report

    Rispondi

  • marco.mai

    14 Ottobre 2010 - 14:02

    caro astice, sinceramente frusterei volentieri te e toscanorosso, al quale dico di rileggere il mio intervento perche' parlo di studenti e docenti ma non faccio distinzioni tra sinistra e destra ma solo tra chi occupa indegnamente l'universita' impedendo, loro si, lo svolgimento delle lezioni e sono una minoranza e gli altri non intervengono perche' vengono picchiati se no (vedasi quanto accaduto Venerdi' scorso al politecnico di Milano, i buoni studenti che protestano a spaccano tutto quello che gli capita a tiro, notizia sul Corriere della Sera, non Libero). Si ho vissuto in Nuova Caledonia, Vimercate, dove negli anni 75-81 ero in un Istituto Tecnico Statale dove si pensava a studiare e non a fare tante stupidate come fanno oggi gli studenti che scioperano e parlano per slogan ma non sanno nulla, nulla della vita. Fascista, toscanorosso come sei datato, ho due ragazzi che vanno al liceo e che dopo aver partecipato ad una manifestazione per capire sono rimasti schifati e questo basta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog