Cerca

De Benedetti

De Benedetti, il doppiopesismo dei giudici. Evade e paga solo una multa. Mentre il Cav viene pure interdetto

Sanzione di 225 milioni per il Gruppo Espresso e per l'ingegnere solo un procedimento tributario

Carlo De Benedetti

Carlo De Benedetti

C'è una sentenza che riguarda il Carlo De Benedetti e il Gruppo Espresso multato di 225 milioni per plusvalenze e una condanna che riguarda Silvio Berlusconi e i diritti Mediaset. Due vicende simili, due sentenze aspramente criticate dai due diretti interessati,  De Benedetti e il Cavaliere, appunto, che sono però state trattate in maniera esattamente opposta dai giudici e dai giornali.

Un doppiopesismo giudiziario, scrive oggi il Giornale, testimoniato dai fatti. Vediamoli: nel 2012 la Commissione tributaria regionale di Roma ha condannato il Gruppo Espresso a pagare 225 milioni di euro, il totale delle imposte non pagate nel 1991 all'epoca della fusione dell'editoriale La Repubblica in vista della sua quotazione in borsa. I pagamenti sono però stati congelati perché un'altra sezione della Commissione tributaria ha poi accolto la richiesta di sospensione della riscossione avanzata dal Gruppo. 

Insomma, De Benedetti avrebbe ottenuto un enorme vantaggio fiscale da una serie di operazioni societarie realizzando un'elusione fiscale da 234 milioni. Un illecito tributario non un reato penale perché la questione penale si era risolta anni fa con l'assoluzione di tutti gli imputati "perché il fatto non sussiste". Sulla maxi multa il Gruppo Espresso ha parlato di "sentenza manifestatamente infondata oltreché palesemente illegittima sotto numerosi aspetti di diritto e di merito". Addirittura, conclude il Giornale, la legale dell'Espresso Livia Salvini parla di "abnormità di pronunce che pretendono di disconoscere i vantaggi fiscali", ovvero lo stesso rilievo dei ricorsi di Coppi e Ghedini sulla vicenda dei diritti Mediaset che però non si è risolta con una multa per gli amministratori della società ma in una condanna penale con interdizione dai pubblici uffici per l'azionista. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capcap

    07 Agosto 2013 - 16:04

    Evviva la costituzione di "napoletano"

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    07 Agosto 2013 - 16:04

    De Benedetti ha l'imprimatur della sinistra e quindi va bene così... quanto ai beceri cialtroni che danno dei beoti a chi rileva queste cose, beh, siamo in democrazia, ognuno ha liceità di mandare il cervello all'ammasso e credere di avere ragione.

    Report

    Rispondi

  • gioch

    07 Agosto 2013 - 16:04

    Condannato,perchè non viene espulso dal PD?

    Report

    Rispondi

  • manuelebonbon

    07 Agosto 2013 - 15:03

    no dix, non capiscono o fanno finta di non capire; i berlusconiani si caratterizzano per ferocia e ottusità. Ripetono sempre lo stesso mantra come tanti beoti, un che capisce solo parole come silvio, patonza, komunisti... cercare di fargli capire altro è impresa impossibile.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog