Cerca

Otto ore di Cdm

Terremotati, beffa rinviata:
pagheranno le tasse fra 3 mesi

A Palazzo Chigi vertice sulla crescita e lo Sviluppo, Passera: "Grande intesa tra i ministri, ma serviranno altre riunioni"
Corrado Passera

Corrado Passera

Il governo ha deciso di esentare dalle tasse fino al 30 novembre le popolazioni colpite dal terremoto di Emilia Romagna, Veneto e Lombardia dello scorso maggio. E' una delle poche indiscrezioni filtrate dal Consiglio dei ministri fiume durato 8 ore a Palazzo Chigi. Sull'agenda dei ministri del governo Monti c'erano molti punti in merito a crescita e sviluppo. L'esenzione per i terremotati non basta, però, al Pdl, che per bocca della vicepresidente dei deputati Isabella Bertolini spiega: "La proroga discussa oggi non risolve la questione. Fra due mesi ci ritroveremo nella stessa situazione. Serve più tempo - aggiunge in una nota -, avevo già annunciato che avrei presentato un odg per chiedere una proroga di almeno un anno. Discuteremo il mio ordine del giorno in Parlamento quando l'esecutivo presenterà il decreto".  Il Consiglio dei ministri ha anche dato il via libera al bando di concorso, il primo dal 1999, per l'assunzione di quasi 12mila nuovi docenti. La pubblicazione del bando è prevista il 24 settembre: varranno titoli ed esami, su base regionale,

L'ottimismo di Passera - Già il ministro della Famiglia Andrea Riccardi, uscendo tra i primi, aveva lasciato intuire la misura a favore dei terremotati. Il ministro dello Sviluppo Corrado Passera, invece, è stato più esplicito sul vertice: "La mobilitazione di tutti i ministeri per la crescita va nei campi più diversi: è importante per la crescita la sanità come i beni culturali, l'ambiente, come gli Interni che assicurano sicurezza, l’istruzione per formare il capitale umano. Ci siamo resi conto, una volta di più,che ogni ministro ha delle leve sia per contribuire all’obiettivo rigore che all’obiettivo crescita". Durante il Cdm, ha spiegato Passera, "sono stati raccolti contributi di grande interesse da tutti i ministri, che si sentono mobilitati per far uscire il Paese il più velocemente possibile dalla recessione". A chi gli chiedeva quando le misure saranno varate, ha infine risposto: "Vedremo, ci saranno le occasioni per farlo. Stiamo parlando di provvedimenti sul completamento di provvedimenti sull'agenda digitale del Paese, sulle start up e di come attirare investimenti dall’estero". In ogni caso, conclude Passera, "è stata una giornata concreta e non c'è stato nessuno scontro con Grilli, conti pubblici e crescita non sono alternativi", glissando così sulla frenata del ministro dell'Economia agli slanci di ottimismo del ministro del Welfare Elsa Fornero e dello stesso Passera.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gioch

    27 Agosto 2012 - 09:09

    ...che i membri del Governo andassero,in questi giorni,nelle zone terremotate a vedere lo stato avanzamento lavori.Sarebbe ,quasi sicuramente,un metodo per non rivederli più.

    Report

    Rispondi

  • rurok333

    26 Agosto 2012 - 12:12

    altri 12 mila lazzaroni che incapaci le famiglie gli invalidi e i bisognosi li brucerebbero...

    Report

    Rispondi

  • gioch

    26 Agosto 2012 - 10:10

    ...le tasse pretese da emiliani e mantovani,colpiti dal terremoto,servono anche a tamponare i 70,80 milioni di euro dati recentemente ai terremotati di Irpinia e Belice?Che cazzo fa Errani?Rimane piegato a novanta gradi perchè il suo capo è filogovernativo?

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    25 Agosto 2012 - 15:03

    stanno coltivando voti per la sinistra.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog