Cerca

Regionopoli

Regioni, il governo le mette in riga: "Un ddl per limitare i loro poteri"

Patroni Griffi: Modifiche costituzionali su energia, infrastrutture e turismo. Errani: stasera presentiamo il nostro piano anti-sprechi

Vendola fa la mossa: "Taglio di 50mila euro all'anno ai miei emolumenti, dobbiamo dare il buon esempio". Bravo Nichi, tanto ne guadagna già 15mila netti al mese...
Regioni, il governo le mette in riga: "Un ddl per limitare i loro poteri"

 

Su una cosa, almeno, le Regioni sono tutte d'accordo: bisogna tagliare gli sprechi. Come e di quanto, ancora non si sa. Occorrerà attendere questa sera, quando la Conferenza dei presidenti presenterà il proprio piano anti-Casta prima al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, alle 18.15, quindi al sottosegretario alla presidenza del Consiglio Antonio Catricalà, causa assenza del premier Mario Monti. L'annuncio è arrivato da Vasco Errani, governatore dell'Emilia Romagna: "La Conferenza dei presidenti, all’unanimità, ha preso la decisione di avanzare una proposta al governo. Si tratta di una iniziativa importante, ma proprio per questo vogliamo rispettare il percorso istituzionale". Iniziativa importante e scontata, visto che si esce da una bufera, quella che ha portato alle dimissioni della governatrice del Lazio Renata Polverini, e si rischia di finire in un'altra ancora più grande, visto che lo scandalo sui rimborsi gonfiati ai partiti e ai consigli regionali potrebbe diventare affare nazionale: Sicilia e Campania sono già sotto indagine. "Pian piano tutte le Regioni si stanno muovendo. Abbiamo fatto scuola", ha commentato con un pizzico di amara ironia l'ex governatrice del Lazio Renata Polverini, che aveva portato avanti tagli per 5 miliardi di euro. 

Le contromosse del governo - Per precauzione, anche il governo si muove con misure anti-sprechi pensate ad hoc. L'esecutivo starebbe pensando, secondo quanto dichiarato dal ministro della Funzione pubblica Filippo Patroni Griffi, a un disegno di legge costituzionale per limitare alcune competenze attribuite alle Regioni. "Non so che tempi abbiamo per una riforma della Costituzione e soprattutto per il livello di complessità - ha spiegato il ministro -. Sicuramente nel governo c'è la consapevolezza che alcune parti del Titolo V della Costituzione vadano riviste, soprattutto in materie come energia, infrastrutture e turismo".

Il buon esempio di Nichi - Intanto il governatore della Puglia Nichi Vendola ha deciso di muoversi autonomamente, annunciando in una lettera al al presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna, il proprio "atto di responsabilità": un taglio di 50mila euro all'anno al suo emolumento. "Siamo ad un passaggio davvero drammatico della vita democratica del Paese - scrive Vendola - mentre la crisi e il disagio sociale bussano alle porte di milioni di famiglie e rendono incerto il futuro delle giovani generazioni, il moltiplicarsi degli scandali legati all’uso distorto del denaro pubblico genera rabbia e sgomento. Non è sufficiente dire: noi in Puglia non abbiamo trasformato il Consiglio regionale in un luna-park di sperperi e di ruberie". Bravo Nichi: d'altronde rinunciare a 4.000 euro al mese rispetto ai 15mila netti che percepisce (e che lo rendono il governatore più pagato in Italia) è sacrificio sopportabile.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frank-rm

    27 Settembre 2012 - 07:07

    La Polverini nel frattempo ha nominato dei Dirigenti non avendo ancora formalizzato le dimissioni, continua a fare danni

    Report

    Rispondi

  • gianni modena

    27 Settembre 2012 - 03:03

    però non mi deire che in puglia è tutto trasparente ed onesto altrimenti come spieghi le indgini e il tuo rinvio a giudizio ?? dica anche questo sig osti

    Report

    Rispondi

  • 5Alek5

    26 Settembre 2012 - 20:08

    Io sono convinto che oltre ai loro poteri bisogna limitare i loro emolumenti colpirli nel portafoglio che è quello che a loro importa di più.

    Report

    Rispondi

  • 5Alek5

    26 Settembre 2012 - 20:08

    Io sono convinto che oltre ai loro poteri bisogna limitare i loro emolumenti colpirli nel portafoglio che è quello che a loro importa di più.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog