Cerca

Incollato alla poltrona

Supermario ci ha preso gusto
e manda avanti i fedelissimi
E' sfida aperta al Colle

Casini, Fini e Montezemolo non mollano anche dopo il diktata di Napolitano che ha sbarrato la strada al Prof: le "liste Monti" si faranno

Supermario ci ha preso gusto
e manda avanti i fedelissimi
E' sfida aperta al Colle

 

È sceso il grande gelo tra Mario Monti e Giorgio Napolitano. All’indomani dello stop del presidente della Repubblica alla candidatura del Professore alle Politiche di primavera («È senatore a vita, non può candidarsi»), il presidente del Consiglio dà mostra di avere gradito assai poco la sortita quirinalizia. Richiesto di un commento circa le parole di Napolitano, Monti si trincera dietro un tiratissimo «no comment». Niente formulazioni in politichese per dirsi formalmente d’accordo col capo dello Stato (che pure in questi casi sono di prammatica), niente circonlocuzioni diplomatiche. Bocca cucita, e fastidio che non si fa nulla per evitare che trapeli.

A parlare ci pensano i politici, specie quelli più impegnati per lavorare alla continuazione del montismo. E tutti mettono nero su bianco che, a prescindere da tutto, il secondo governo a guida Monti resta l’obiettivo irrinunciabile. Una levata di scudi che non è dato sapere se il premier abbia sollecitato, ma che di certo è stata da esso accolta con benevolenza. Il più esplicito è Gianfranco Fini. "Alle consultazioni", annuncia il presidente della Camera, "indicheremo Mario Monti come premier". Appena più sfumata la posizione di Pier Ferdinando Casini: "Non ci sono alternative al lavoro politico di Monti", ragiona il leader dell’Udc. A completare il quadro provvede la montezemoliana Italia Futura che, con impressionante tempismo, pubblica sul proprio sito un decalogo per spiegare "il senso di una lista per Monti".

Leggi l'articolo integrale di Marco Gorra su Libero in edicola oggi 24 novembre

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco1927

    24 Novembre 2012 - 18:06

    la sua analisi è verosimile e posso anche dire che se osserva ben il volto di Monti nella foto di questo articolo, troverà altri elementi utili che rafforzano quanto lei dice. In molti atteggiamenti il sig.Monti manifesta femminilità chiara e questo lascia pensare ad una sua omosessualità repressa, compensata poi con un rigidismo di azione nel tassare il cittadino che ha solo la colpa di non aver soddisfatto i desideri repressi del signorino. In Parlamento abbiamo avuto di tutto (che schifo) ma trovo che il represso in qualcosa sia il peggiore dei soggetti in quanto ODIA. Ho scritto il peggio possibile di Monti ma oggi lei ha fornito altri elementi utili alla comprensione, spero in molti comunque prima di votare si ricordino di tutte le informazioni date su Monti e che abbiano capito a fondo che questo personaggio deve scomparire dalla scena dirigenziale Italiana.

    Report

    Rispondi

  • sommesso49

    24 Novembre 2012 - 18:06

    ritiene di essere mugnaio per un attimo che si è trovato nella farina.

    Report

    Rispondi

  • encol

    24 Novembre 2012 - 15:03

    ci abbia preso gusto l'abbiamo capito da un pezzo. Del resto chi si sottrae ad andare in giro per il mondo a sbafo anzi anche super pagato? Se poi in questi viaggi dice caz... ,del tipo ultimo viaggio in Dubai, e nessuno ci fa caso ancora meglio. Noi popolo considerato carne da macello , preferiamo unh NON prof ma con le palle in grado di FARE VERA PIAZZA PULITA di tutta quasta banda di ladri che ci distrugge l'esistenza da 40/50anni. Per noi dal Casini al Berlusca, al monegasco, dal Baffetto a O' bello guaglione, dal Bersani alla Bindi o franceschini o Bassolino, Penati, Lusi, Scajola, Fiorito ecc.ecc.non c'è spazio per tutto l'elenco sono oltre 5000, SONO TUTTI LADRI INCALLITI prima li togliamo dai piedi meglio è.

    Report

    Rispondi

  • vittoriomazzucato

    24 Novembre 2012 - 10:10

    Sono Luca. Napolitano parla con la voce da ventriloquo: è Bersani che parla. Che Monti si sia montato la testa, non è da lui. E' un pericolo per l'Italia e lo domostrò facendo il consulente economico di Pomicino tra il 1985 e il 1992. Questa è gente che deve sparire dalla politica Italiana: lui,Riccardi, ma da dove lo hanno pescato questo,Casini,Fini ,Montezemolo; tutta gente riciclata della prima Repubblica. GRAZIE.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog