Cerca

Da Belpietro

Il rottamatore terrorizza Bersani: 
"Il mio partito vale il 12 per cento"

Il rottamatore terrorizza Bersani: 
"Il mio partito vale il 12 per cento"

"A Stumpo dico che se vuole lo compro io uno scanner per mettere  on line i verbali, per 9mila verbali bastano tre ore. Ce la fa anche Stumpo": il candidato alle primarie Pd Matteo Renzi, intervistato dal direttore di Libero Maurizio Belpietro a La telefonata su Canale 5 usa l'ironia ma non abbandona la vena polemica con il partito, la cui dirigenza (garanti e, appunto, Nico Stumpo, coordinatore nazionale delle primarie) fa ostruzionismo sulla pubblicazione online dei dati del voto del primo turno di domenica scorsa, che ha visto il segretario Pierluigi Bersani vincere con il 44% dei voti davanti a Renzi col 35. E domenica 4 dicembre ci sarà il ballottaggio decisivo. Anche a questo proposito il sindaco di Firenze è critico sulla registrazione di chi non ha votato al primo turno ma vorrebbe farlo ora: "C'è una finestra giovedì e venedì, noi speriamo di arrivare fino a domenica. In Francia, per le primarie tra Hollande e la Aubry tra il primo e il secondo turno sono aumentate le registrazioni e i voti. E' normale, la gente vuole partecipare".




Dilemma registrazioni - Per ora i garanti ribadiscono: serve una giustificazione per chi era assente al primo turno. "La   giustificazione non la deve dare il cittadino che vuole votare - ha commentato Renzi - ma quei politici che sono lì da venti anni e non hanno cambiato le cose". Poi leggera minaccia a Bersani, Nico Stumpo, coordinatore nazionale e compagni: "Se volevo andare via, andavo via prima. I sondaggi dicono che un nostro raggruppamento potrebbe avere come minimo il 12% e un margine del 20-25 per cento. Se volevo farmi una pattuglia di parlamentari e diventare come uno di loro mi facevo il partitino. Ma non ci credo, è ora di finirla con quelli che pensano che la politica serve a sistemare se stessi". I numero, però, a volte possono far cambiare idea. Di certo, c'è l'imbarazzante endorsement di Silvio Berlusconi, che ha definito Renzi la sola speranza di avere un Pd socialdemocratico: "Questo non è tifo, Berlusconi non è mai stato esperto di partiti e di socialdemocrazia. Parla di cose che non conosce".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ubik

    27 Novembre 2012 - 17:05

    e sti cazzi :)

    Report

    Rispondi

  • rivaod

    27 Novembre 2012 - 17:05

    Ho vinto la scommessa. Il Messaggero non ha pubblicato il mio commento. eh eh eh

    Report

    Rispondi

  • Cini

    27 Novembre 2012 - 17:05

    Matteo Renzi è l'unico uomo politico che oggi in Italia rappresenta il nuovo, la gioventù la vera democrazia e la modernizzazione della sinistra italiana,buona parte della quale ancora vive nei sogni e trionfalismi della bandiera rossa,della falce e martello dell'epoca ideologica, utopica del marxismo-leninismo-stalinismo. Gli italiani dell'elettorato di sinistra di buon senso non dovranno perdere questa occasione per votare Renzi e spero così facciano pure i disillusi elettori tradizionali del centrodestra, soprattutto come prevenzione a una possibile ascesa di una opportunista sinistra radicale, affamata di potere e che torni ancora una volta a pretendere di governare il Paese come ahimè avvenne durante l'infelice era della Democrazia Cristiana. Forza Renzi e sinistra democratica italiana in grado in un prossimo futuro di collaborare a testa alta e a pari merito con i partiti di sinistra del nord Europa e del Regno Unito. Matteo Renzi è l'unico uomo politico che oggi in Italia rapp

    Report

    Rispondi

  • Cini

    27 Novembre 2012 - 17:05

    Matteo Renzi è l'unico uomo politico che oggi in Italia rappresenta il nuovo, la gioventù la vera democrazia e la modernizzazione della sinistra italiana,buona parte della quale ancora vive nei sogni e trionfalismi della bandiera rossa,della falce e martello dell'epoca ideologica, utopica del marxismo-leninismo-stalinismo. Gli italiani dell'elettorato di sinistra di buon senso non dovranno perdere questa occasione per votare Renzi e spero così facciano pure i disillusi elettori tradizionali del centrodestra, soprattutto come prevenzione a una possibile ascesa di una opportunista sinistra radicale, affamata di potere e che torni ancora una volta a pretendere di governare il Paese come ahimè avvenne durante l'infelice era della Democrazia Cristiana. Forza Renzi e sinistra democratica italiana in grado in un prossimo futuro di collaborare a testa alta e a pari merito con i partiti di sinistra del nord Europa e del Regno Unito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog