Cerca

Anti-Cav

Il capogruppo dei liberaldemocratici: espelliamo Berlusconi dal Ppe

Dall'Europa arriva un altro attacco alla candidatura di Silvio. Il capogruppo Verhofstadt: cambiamo lo Statuto per cacciarlo
Il capogruppo dei liberaldemocratici: espelliamo Berlusconi dal Ppe

I Popolari europei  abbandonano Silvio Berlusconi e a 48 ore dal vertice del Ppe che precederà il Consiglio europeo, torna ad essere in forse la presenza del Cavaliere nella capitale belga.   L'ex premier  è intenzionato a prendere parte al summit, ma il pressing delle colombe è forte per tentare di convincere Berlusconi a desistere, tanto più visto che la partecipazione alla riunione del Partito Popolare europeo seguirebbe di poche ore la riapparizione sotto i riflettori del Cavaliere, atteso per il tradizionale lancio del libro natalizio di Vespa.  Appuntamento che potrebbe trasformarsi nell’occasione giusta per togliersi qualche sassolino dalle scarpe: l’ex presidente del Consiglio non ha infatti ancora digerito le dichiarazioni contro il suo ritorno da parte delle Cancellerie internazionali. Così come brucià la presa di posizione netta del capogruppo Ppe, Joseph Daul, ("siamo molto preoccupati per l’Euro e l’economia europea, non ci possiamo permettere questa politica spettacolo", ha affermato), che segue le critiche sollevate da Mario Mauro, dato sempre più verso l’abbandono del Pdl. 

L'attacco Il capogruppo Ppe al Parlamento Ue Joseph Daul, appena saputo dell'intenzione di Silvio Berlusconi di scendere in campo aveva detto: "E' stato un grande errore far cadere Monti. Siamo molto preoccupati per l’Euro e l’economia europea  non ci possiamo permettere questa politica spettacolo". Un attacco pesante contro Berlusconi che è proseguito così: L'Europa è molto preoccupata per gli avvenimenti  politici degli ultimi giorni in Italia. Il Ppe, ha quindi scandito, "combatte   i populismi, che siano antiitaliani, antifrancesi e antitedeschi, noi   combattiamo tutti i populismi". Ma a queste parole si aggiunge l'appello di Guy Verhofstadt, il capogruppo dei liberal-democratici al Parlamento europeo, che ha chiesto al Ppe di espellere Silvio Berlusconi dal partito. La richiesta e' arrivata in seduta plenaria a Strasburgo. "E' inaudito quel che sta avvenendo", ha attaccato il leader liberale. Ora pare che voglia tornare", ha detto in riferimento all'ex premier italiano, "e fare cadere il governo italiano e tutta la zona euro dietro di lui". "Ebbene, espelliamolo dal Ppe, una buona volta! Mettiamo fine a questa situazione e potremo ritrovare la stabilita'", ha aggiunto rivolto al capogruppo Ppe al Parlamento Ue, Joseph Daul. Prendendo a sua volta la parola, Daul gli ha replicato che non si possono "saltare gli statuti del partito".  Ma il capogruppo non si è dato per vinto: "Se è un problema di statuto, cambiamolo", ha replicato Verhofstadt. 

Fronda ciellina  L'ex premier è indignato per gli attacchi ricevuti dal Ppe tanto che  ai suoi ha fatto sapere che non ha nesssuna intenzione di essere messo sotto processo e ha annunciato che parteciperà al vertice del partito in programma per domani, giovedì 13 dicembre. Si aspettano adesso le reazioni di Silvio dopo l'ultima esternazione di  Verhofstadt.  Ma quello del partito popolare europeo non è l'unico attacco che arriva da Bruxelles, perché anche l'adesione attorno a Silvio Berlusconi del Pdl in Europa, in testa i ciellino si sta frantumando mentre si allarga il fronte dei montiani. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bingo bongo

    13 Gennaio 2013 - 16:04

    Il vile attacco di un gruppo di mercenari del PDL in seno al parlamento europeo ha una madre (che sembra un padre),la Merkel( con le banche tedesche piene zeppe di titoli di stato della SPAGNA e della GRECIA), ed un padre ormai politicamente spirato SARKOSKY ed un'altro che una ne fà e cnto ne pensa per ammazzare un quasi cadavere com'è attualmente la Francia. Frattini, il nulla nato dal niente ed inconcludente giullare alla corte di Re Artù SilvioI, come il Pisanu permaloso, nulla ha da dire ma vuol farlo da grancerimoniere.La Merkel usa questi farisei per eliminare l'unico capace di smscherare il suo gioco atto a nascondere il tentativo di acquistare ai saldi banche italiane e con esse quote azionarie di importanti asset dell'Italia del nord e, nel contempo, i conti non proprio in ordine delle proprie casse di regionali, le sparkasse.Tutto è nato dalla Germania e tutto riconduce ad essa, alla culona.

    Report

    Rispondi

  • bocciatore

    13 Gennaio 2013 - 14:02

    Vorrei capire questi due fascistelli che si arrogano il diritto di voler espellere chi non gli aggrada quanti iscritti rappresentano nell'ambito del ppe, perchè di solito sono gli insignificanti che agitano per conquistare un minimo di visibilità. La verita è che tra i rossoviolarancione comincia a serpeggiare la paura di una nuova sberla politica.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    13 Gennaio 2013 - 14:02

    Verhofstadt. Un altro filocrucco alla mercè della germania.

    Report

    Rispondi

  • giorgio_collarin

    12 Dicembre 2012 - 19:07

    trattasi di una vera e propria scandalosa ingerenza nella nostra politica da parte di un partito europeo alieno!!! non lasciamoci intimidire da personaggi pagliacci!!! prima mettiamo in ordine le cose in casa nostra e poi sistemeremo anche l'unione europea: o è democratica o tanto vale uscirne!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog