Cerca

In ginocchio

I futuristi si dimettono in massa
E la senatrice sfotte Gianfry:
"Per fortuna sei Fini-to"

In Lombardia il partito del presidente della Camera è stato quasi azzerato. E la Mancuso dopo pochi mesi si pente del "capo" e lo umilia su Twitter

Gianfranco Fini

Gianfranco Fini

 

di Andrea Morigi

Cresce il numero dei finiani pentiti. Numerosi coordinatori provinciali lombardi del partito si apprestano ad abbandonare la nave prossima al naufragio: «Non condividiamo i criteri utilizzati dalla dirigenza nazionale di Fli per la selezione dei candidati», annunciano in un comunicato polemico. E Giuseppe Valditara, coordinatore lombardo e senatore uscente, spiega di avere ritirato la propria candidatura alla camera. «Ho suggerito personalmente Manfredi Palmeri per sostituirmi», spiega in un’intervista a MilanoToday. Non è ancora un addio definitivo, ma un’analisi spietata: «In molte decisioni verticistiche e romane ci sono preoccupanti analogie con vecchi metodi già sperimentati nel Pdl». Non si accorge di condannare la prassi con cui lui stesso era riuscito a conquistarsi il laticlavio.

Nella speranza di un ripensamento, comunque, Valditara assicura che proseguirà a contribuire alla campagna elettorale di Gabriele Albertini alla Regione e «per il momento sono concentrato su questo: altre riflessioni le rimando a dopo». Da marzo in avanti, quando non siederà più a Palazzo Madama, si vedrà.

Chi è ancora più esplicito e deciso è la neo-senatrice cinquantaduenne Anna Maria Mancuso, partita dal consiglio comunale di Monza. Entrata a Palazzo Madama nell’ottobre scorso, in sostituzione di un senatore reatino, Angelo Maria Cicolani, si è già stufata dopo pochi mesi e ora twitta: «Siamo partiti per l’attraversata nel deserto, la guida si è persa nei Monti formati dalle dune ed è li che rimarrà! Solo con i Monti». La «guida», definito «un pezzo di ghiaccio senza emozioni» e «un perdente dentro e fuori», riceve una bocciatura senza appello con tanto di motivazione della sentenza: «Il rinnovamento per certi leader passa attraverso l'inserimento in politica dei soci delle mogli, dei suoi avvocati. Per fortuna è Fini-to». 

Le prime scosse del terremoto finiano si erano avvertite nei giorni scorsi con dimissioni di massa dalla Puglia alla Romagna, dopo la formazione delle liste alla Camera e al Senato. Le uniche certezze al Senato riguardano Mario Baldassarri, Giulia Bongiorno, Benedetto Della Vedova, Alessandro Ruben e Giuseppe Consolo. Quanto al vice presidente, Italo Bocchino, sarà nelle   liste per la Camera in Campania, seguito da  Gianfranco Paglia, e in Calabria. Il coordinatore nazionale Roberto Menia  si presenterà in Friuli e in Veneto, dove dopo di lui in lista correrà Giorgio Conte. Enzo Raisi competerà di sicuro in Emilia Romagna, per il quale però non si può  escludere alla fine la candidatura per palazzo Madama. In Sicilia, nessun dubbio su Carmelo Briguglio e Fabio Granata, mentre in Abruzzo correrà Daniele Toto. L’ex direttore del Secolo d’Italia, Flavia Perina,   sarà candidata nel Lazio e, sembra, anche in Toscana.

Una sparuta pattuglia per rappresentare i fuoriusciti che, dopo il trauma della diaspora, erano riusciti a sopportare la casa di Montecarlo, i Tulliani, le immersioni subacquee del leader con scorta al seguito. Erano solo le avvisaglie del crepuscolo degli dèi, reso inesorabile dall’abbraccio mortale con Mario Monti. Quel che temevano accadesse in seguito all’ingresso nel Pdl, si è avverato. Solo che invece di essere fagocitati da Silvio Berlusconi, sono stati ridotti al nulla dal tecnocrate e nei sondaggi non arrivano all’1,5 per cento. Forse nemmeno all’1, secondo il presidente del Pdl. E ora non si sentono più garantiti nemmeno da Gianfranco Fini, che pure sente «il dovere di guidare le liste di Fli alla Camera». Quando erano schierati con il Cavaliere, almeno, potevano giocarsela meglio. Contavano sulle percentuali: 60 per cento di posti ai forzisti, 30 agli ex An, il resto mancia agli alleati più piccoli. Ora i futuristi stanno ancora peggio, come Fli di un dio minore.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FRANCESCO1952

    16 Gennaio 2013 - 08:08

    A.A.A. azienda di produzione latte di CAPRA situata sul monte Everest, cerca urgentemente parlamentare italiano FINIto, per mungitura ... capre e monta, retribuzione in base alle caratteristiche peculiari del candidato, senza assunzione, pasti all inclusive(pane raffermo e acqua di pozzo) giaciglio all'aperto. Si prega inviare CV alla associazione INTERNAZIONALE I T.R.A.D.I.T.O.R.I. ALLA ATTENZIONE DEL RESPONSABILE RISORSE UMANE MONTI o alla segreteria Dr. PEGGIODICASINI, Via Per l'inferno n.1 GIRONE DEI TRADITORI, CITTA INFERNO!!!!!

    Report

    Rispondi

  • gustavodatri

    13 Gennaio 2013 - 12:12

    Ma come mai non si è accorto di stare col culo per terra,faccia una cosa buona,vada a rinchiudersi in un convento, così potrà meditare la fine di una serpe.Avo

    Report

    Rispondi

  • blackroman

    13 Gennaio 2013 - 10:10

    Tutti i Partiti sono uguali. Se un senatore uscente o deputato, non viene ricandidat non dice "mi hanno espulso dal partito" ma " Questo partito mi fa schifo e mando al diavolo i Caporioni". AhAhAhAh Adesso voglio solo vedere se il Grande Cavaliere, in groppa al suo pony, candiderà gli incandidabioli Dell'Utri,Verdini e Scaiola ! Ma no ! Excrementum non olet, dicevano i latini. Basta che portino voti e tutto va ben, madama la marchesa !

    Report

    Rispondi

  • encol

    12 Gennaio 2013 - 17:05

    che in più occasioni disse: " il tempo è galantuomo" appunto, una cosa l'aveva capita.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog