Cerca

Piccolo spazio pubblicità

Matteo Renzi, sul Corriere della Sera il manifesto dei nobili che lo sostengono

Matteo Renzi, sul Corriere della Sera il manifesto dei nobili che lo sostengono

Sul Corriere della Sera di Ferruccio de Bortoli (anche se sarà "suo" ancora per poco) - stiamo parlando dello stesso de Bortoli che con quell'editoriale dell'"odor di massoneria" aveva, de facto, massacrato il premier -, ecco che su quel Corriere della Sera, curiosamente, compare una paginata, un "avviso a pagamento", dal titolo a caratteri cubitali: "Noi sosteniamo Matteo Renzi". Curioso il fatto che sul quotidiano di via Solferino (dilaniato anche dalle lotte tra gli azionisti, chi pro e chi contro Matteo) faccia capolino qualcosa del genere. Sotto il titolo una tirata sul motivo per i quali chi ha pagato per l'annuncio sta con l'Uomo da Pontassieve che, spiegano, sta cercando di cambiare il Paese e "noi", ma questo si era capito, "stiamo con lui".

I 108 firmatari - Ancor più curiosa della dicotomia tra l'annuncio pubblicitario e le posizioni di de Bortoli è invece la lista di chi firma quell'annuncio. Necessaria premessa: ce li ricordiamo tutti quanti gli attacchi di Renzi ai "poteri forti", ai "salotti buoni" che lui afferma di non frequentare, ai "soliti noti". E poiché questi attacchi ce li ricordiamo tutti, è davvero curioso spulciare tra i firmatari di pagina 26 del Corriere della Sera di giovedì 9 ottobre, convinti del fatto che Renzi "non cerca sconti né per sé né per le scelte da affrontare". Per la precisione, i firmatari sono 108. Su di loro ha scritto un interessante articolo Andrea Giacobino sul suo blog.

Big della finanza - Tra chi ha scritto la pagina, ecco spuntare Alberto Milla, classe 193, fondatore della banca Euromobiliare ai tempi dell'Ing De Benedetti, banca di cui oggi è vicepresidente. Quindi Anna Crisina du Chene de Vere, alta nobiltà, la presidente della finanziaria Ida e vicepresidente di Publitransport, società leader nella distribuzione pubblicitaria. E ancora, Antonio Perricone. E qui c'è un dubbio: sarà il Perricone ad di Amber Capital, nel cui board c'è sempre l'Ing De Benedetti, o il Perricone già in Rcs e oggi presidente della Ntv di Della Valle e Montezemolo?

Alta nobiltà - L'elenco prosegue con Clarice Pecori Giraldi, classe 1961, punto di riferimento in Italia di Christie's, il big delle aste internazionali. Si continua con Federico Schlesinger, top manager di Intesa Sanpaolo. E ancora una sfilza di cognomi aristocratici, altra alta nobiltà: Alessandra Ferrari de Grado, Federico Lalatta Costerbosa, Gerolamo Caccia Dominioni, Claudio Biscaretti di Ruffia. Renzi, insomma, attaccherà pure i "soliti noti" e i "salotti buoni", ma dai salotti buoni, almeno leggendo questa pagina, spuntano parecchi suoi fans. Infine, si nota come la paginata pubblicitaria, assomigli parecchio a una "ribellione" dei nobili contro Ferruccio de Bortoli, il direttore uscente che si è schierato senza indugi contro il premier a cui, dice, non piacciono i "salotti buoni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • leolucalabozzet

    09 Ottobre 2014 - 16:04

    Guarda un pò,perchè i nostri eroi non richiamano Matteo a liberare i tartassati dalla malvagia imposizione fiscale e i senza lavoro dalla piaga della disoccupazione invece che rincorrere la troika smettendo di fare le slides a tempo che finora si sono dimostrati fuffa ? Il loro “eroe”,secondo gli indicatori ufficiali,sta facendo sprofondare il paese che da 1065 giorni ha questi risanatori!!!

    Report

    Rispondi

  • LorenzoMI

    09 Ottobre 2014 - 14:02

    I titoli nobiliari in Italia non hanno più alcun valore, sono alla pari dei titoli di Oscar Giannino o delle lauree del trota........ firmato Sua Altezza Serenissima l'Imperatore del globo

    Report

    Rispondi

  • silvano45

    09 Ottobre 2014 - 14:02

    mi piacerebbe conoscere i redditi di questi signori delle loro famiglie la storia dei loro guadagni sono sicuro che si potrebbero scoprire delle belle.Abbiamo già conosciuto in passato i grandi guadagni dei fiorito penati galan le case di montecarlo la spogliazione del monte paschi etc etc a questi signori unico scopo è essere sempre sul carro dei vincitore per usufruire dei soliti privilegi

    Report

    Rispondi

  • gpaolob

    09 Ottobre 2014 - 14:02

    Ad sal, ad mel,ad piper, semper cucurbita est!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog