Cerca

Il ministro nel mirino

Stefania Giannini contestata alla Festa dell'Unità di Bologna: interrompe l'intervento e se ne va

Stefania Giannini contestata alla Festa dell'Unità di Bologna: interrompe l'intervento e se ne va

Cacciata dai compagni. Stefania Giannini, il ministro dell'Istruzione ex Scelta Civica e oggi nel Pd, è stata duramente contestata da una cinquantina di persone alla Festa dell'Unità di Bologna. Una contestazione che ha spinto la Giannini ad abbandonare il dibattito. Il ministro è stata accolta al grido di "vergogna, vergogna", e poi i manifestanti - un gruppo di docenti, studenti e genitori - sono entrati nel tendone in Montagnola, interrompendo l'intervento del ministro, che ha poi deciso di "desistere". Nel mirino dei contestatori, il ddl "buona scuola", la riforma della scuola del governo Renzi. Alcuni contestatori sono poi stati allontanati dalla sicurezza. Quindi il laconico commento della Giannini: "Noi con il mondo della scuola ci siamo confrontati. Questo non è il mondo della scuola".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cane sciolto

    09 Luglio 2015 - 15:03

    In primis la Giannini stava con s.c. con Monti, poi visti i disastri di Monti ha visto il polpettone nel PD, ha fatto la voltagabbana, questa di scuola non ci azzecca un tubo, a sto punto direi come quasi tutti compreso i Giudici che se sbagliano debbono pagare di tasca loro, anche i politici che sbagliano debbono pagare di tasca propria se no è facile tanto che gli frega pagano sempre i cittadini

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    04 Maggio 2015 - 16:04

    O grande incompetente o ha avuto istruzioni precise per fare quella vergognosa riforma

    Report

    Rispondi

  • Placido Olivieri

    25 Aprile 2015 - 09:09

    Da ultimo c'è stata la gelmini. Ora con giannini, che fa anche rima con gelmini, e faraone (ma che c'entra faraone con la scuola?) la scuola italiana sprofonda nel più profondo baratro. Se aggiungiamo che, di chi non ha le adeguate professionalità, fa il preside/padrone abituiamoci a preparare la cassa da morto della scuola italiana. Un neoidealista come Giovanni Gentile non si inventa.

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    25 Aprile 2015 - 00:12

    Ma come? Una nuova compagna, così raffinata e radical chic... che per giunta vi mostra anche le tette gratis... e voi la contestate? Vergognatevi, compagni!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog