Cerca

Il pm che indaga su Banca Etruria...?. Clamoroso: prende soldi dal governo

Matteo Renzi e Maria Elena Boschi

Il caso di Banca Etruria, con il suo fardello di ripercussioni sul governo, si arricchisce di un nuovo, pesante, dettaglio. Prima si trattava soltanto di una voce che circolava tra ambienti riservatissimi, tra esponenti Pd ed ex ministri. Quale voce? Presto detto: il procuratore capo di Arezzo, quello della Procura che indaga sul presunto conflitto d'interessi degli ex vertici dell'istituto, sarebbe un consulente del governo a Palazzo Chigi. Poi, come spiega Il Fatto Quotidiano, alla voce si sono aggiunge le evidenze: nel numero 81 dell'elenco di consulenti e collaboratori della presidenza del Consiglio ecco materializzarsi il nome di Roberto Rossi, con tanto di curriculum. E nel cv si legge, tra le altre, che l'uomo è "attualmente Procuratore della Repubblica facente funzioni presso la Procura della Repubblica di Arezzo".

L'uomo è stato nominato nel febbraio di quest'anno tra i consulenti di lavoro del governo Renzi. E quest'uomo, bene ricordarlo, è a capo della Procura che sta indagando sul caso che lambisce Pier Luigi Boschi, padre del ministro delle Riforme ed ex vicepresidente di Banca Etruria, una fattispecie che apre un nuovo scenario e un nuovo potenziale conflitto di interessi. Nel dettaglio, Rossi è consulente del Dagl (Dopartimento degli affari giuridici e legislativi), a cui capo c'è Antonella Manzione, l'ex comandante dei vigili urbani di Firenze chiamata dal premier a Palazzo Chigi. L'incarico della toga scade il 31 dicembre 2015, e prevede una retribuzione di 5mila euro lordi. Il suo compito a Palazzo Chigi viene così descritto: "Attività di consulenza, instruendo e rendendo pareri in materie riguardanti il diritto penale, la procedura penale, sanzioni amministrative, nonché su problemi concernenti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    17 Dicembre 2015 - 23:11

    E allora? se lavora per Renzi. non lavora per il padre della Boschi Non vi accorgete come siete scesi in basso.?

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    17 Dicembre 2015 - 18:06

    Un PM non puo' esser consulemte ma non di Renzi ma del Prtimo Ministro. Siete abituati con Don Silvio e allora vedete sporco ovunque, come era, appunto, con l'italoforzuto condannato.

    Report

    Rispondi

  • claudioarmc

    17 Dicembre 2015 - 15:03

    Niente stupore , diranno che così è più facile relazionarsi

    Report

    Rispondi

  • antuan

    16 Dicembre 2015 - 23:11

    Ormai in questo paese le gente onesta cammina a testa china ,è ora di sollevarla e far valere i valori dell'onesta e della correttezza prima che tutto sia tremendamente irrecuperabile. Non esistono parole a tutte le nefandezze alle quali quotidianamente si assiste

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog