Cerca

Scontri in strada

Torino, Pd contestato al corteo

Slogan e uova marce contro Fassino: "Non rappresentate nessuno"

Torino, Pd contestato al corteo

 

La caporetto del Pd? A Torino, dove in occasione della Festa del Lavoro i "compagni" vengono contestati. Prima il lancio di uova cariche di vernice nera contro il coreto dei democratici. Il lancio è avvenuto nella parte finale del serpentone che si è snodato in via Po, lontano dalla zona dove si trovavano il sindaco Piero Fassino e altri esponenti. Le uova hanno colpito il personale delle forze dell'ordine. Poi le contestazioni, in un altro punti del corteo, si sono concentrate contro Fassino stesso. Durante la sfilata in piazza Castello, gruppi di attivisti No Tav, Cub e No Inceneritore hanno sonoramente fischiato il passaggio del primo cittadino. Fassino, arrivato in piazza San Carlo, è stato avvicinato da alcuni ragazzi vestito da clown. Poi, durante il suo intervento, si sono levati i cori "buffone buffone" e "vergogna".

"Li abbiamo cacciati" - Lele Rizzo, lo storico leader del centro sociale torinese Askatasuna, ha poi spiegato: "Abbiamo cacciato il Pd dal corteo perché non rappresenta nessuno, né in questa piazza né nel Paese. La politica istituzionale ha avuto paura di noi e ha fatto il comizio più veloce della storia. Il gesto di Roma - ha aggiunto Rizzo a proposito dei due carabinieri feriti a colpi di pistola davanti a Palazzo Chigi - non è stato il gesto di un pazzo, ma di una persona che non ce la faceva più. Siamo al fianco di chi si ribella, di chi lotta".

Palco occupato - In un crescendo di tensione, al termine della manifestazione un folto gruppo di giovani, molti di loro vestiti di nero e con il volto coperto dalla maschera bianca di Anonymoys, sono saliti sul palco dal quale fino a pochi minuti prima avevano parlato le autorità. Gli autonomi hanno srotolato gli striscioni e sollevato cartelli. Lo striscione più grande recitava: "Casa-reddito-trasporti-salute". Tra le bandiere sventolavano quelle di Autonomia e contropotere e quella dei No Tav. Quindi riprendevano anche gli slogan. Il più scandito era "Cota-Fassino, la vergogna di Torino".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Galleggiamo

    02 Maggio 2013 - 12:12

    e il PDL? Il PDL non c'era, ha altro a cui pensare....

    Report

    Rispondi

  • blues188

    02 Maggio 2013 - 11:11

    Si, ho potuto verificare il grado di civiltà e di rispetto che avete portato nei paesi 'conquistati'. Non male davvero... ma quando li pagate i danni fatti? O volete lasciare tutto allo sfascio?

    Report

    Rispondi

  • encol

    01 Maggio 2013 - 18:06

    Il PCI,PDS,DS,PD NON lo vuole più nessuno sono una banda di ladri v.di: IRI,Telekom Serbia, Cirio, UNIPOL,Monte Paschi, Anton Veneta, Bassolino, Penati, Lusi, tutta la cricca unita a non rinunciare ad un solo centesimo né dei loro schifosi compensi di Euro 20.000/mese né del finanziamento illecito sancito da referendum. E si dichiarano i paladini del popolo : ma andate a cag..........

    Report

    Rispondi

  • cordioliago

    01 Maggio 2013 - 18:06

    E se invece dell'amnistia, che è un'ingiustizia, si introducesse la cauzione e si lasciasse libero chi non è ancora stato condannato. Lasciando perdere la giustificazione idiota che non è etica!Grazie. A.C.VR

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog