Cerca

Il crac del partito

Pd, la rivolta dei dipendenti
"Licenziamenti? Andatevene voi"
è rabbia contro i dirigenti

Con lo stop dei finanziamenti pubblici, in 196 rischiano il posto di lavoro: segretari, addetti stampa e impiegati per le pulizie

Pd, la rivolta dei dipendenti
"Licenziamenti? Andatevene voi"
è rabbia contro i dirigenti

In largo del Nazareno è caos. Dopo l'annuncio del premier Enrico Letta che prevede l'abolizone del finanziamento pubblico ai partiti, dentro la sede del Pd i dipendenti sono sul piede di guerra. A rischio ci sono 196 posti di lavoro e le casse sono vuote. Così durante un assemblea abbastanza movimentata chi lavora per il partito grida la sua rabbia e chiede aiuto ai parlamentari e soprattutto ai dirigenti che hanno stipendi faraonici. "Si può chiedere un contributo supplementare ai parlamentari. Della situazione deve farsi carico il gruppo dirigente e anche chi qui dentro guadagna bene. Non inferire su chi prende 1400, 1300 euro al mese", afferma un dipendente del partito. Insomma la situazione è tutt'altro che tranquilla. E nel mirino ora finisce anche lo stipendio di Chiara Geloni, direttore di Youdem, la tv del Pd, che guadagna 6000 euro al mese.

I dirigenti sono irresponsabili - Arcangelo Simioli, rappresentante sindacale dei dipendenti democratici punta il dito contro la gestione degli ultimi anni: "Il partito deve prendere le sue responsabilità, deve rimodulare i piani di bilancio e le modalità di finanziamento. Dobbiamo riuscire ad avere qualche donanzione in più dalla base". Ma a preoccupare i dipendneti sono anche le poche tutele contrattuali. "Noi per legge non abbiamo diritto agli ammortizzatori sociali, stiamo cercando di capire come fare", spiega Gea Polidori un'altra sindacalista del Pd. Poi arriva l'accusa più dura: "Dovevate spendere di meno".  E a confermare le mani bucate del Pd ci sono i dati sui soldi spesi per gli stipendi. Per il personale la spesa si è passati di 3 milioni del 2008 ai 9,5 del 2011. Troppo per arrivare in pareggio nel 2013. Così il bilancio chiuderà in rosso. E Sposetti, ex tesoriere dei Ds sa già chi pagherà il buco di bilancio: "Sapete chi va a casa? Quelli che fanno le pulizie alle 5 del mattino, quelli che rispondono al telefono, quelli che scrivono i comunicati". I dirigenti invece resteranno con le tasche piene al loro posto. (I.S)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • palomatriste

    03 Giugno 2013 - 23:11

    se la saggezza popolare non sbaglia,per i partiti sarà oro colato.auguri Italia.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    03 Giugno 2013 - 08:08

    Si stanno preparando forse alla preghiera?Non è che tanto tanto andando a braccetto con Hamas si sono convertiti all'Islam?

    Report

    Rispondi

  • perfido

    02 Giugno 2013 - 15:03

    anch'io continuerei a votare ancora BERLUSCONI, dopo che D'Alema lo costringerà a chiedere l'elemosina. Cordialità.

    Report

    Rispondi

  • perfido

    02 Giugno 2013 - 15:03

    oggi è la festa della Repubblica. Perché non cerchi di trovare un po di tempo per recarti magari in uno ospizio a raccontare le tue barzellette? Sono certo che tante persone bisognevoli di una risata, ti saranno grate nel tempo. Non mandarmi a quel paese, pensa piuttosto ai consigli che spreco per te, senza alcuna ricompensa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog