Cerca

L'intervista

Violante, legittimo rivolgersi alla Consulta

L'ex presidente della Camera,giurista democratico: abbiamo il dovere di ascoltare le ragioni dell'accusato

Luciano Violante

Luciano Violante

Eccola, un'altra insospettabile colomba del Pd. E' l'ex presidente della Camera Luciano Violante che in un'intervista al Corriere della Sera sostiene che è legittimo "rivolgersi alla Consulta". "Ci sono almeno due irragionevolezze  nell’ultima presa di posizione del Pdl. Si minaccia la crisi per il  voto del Pd prima ancora che la Giunta si sia riunita, che il relatore  abbia parlato, che i voti siano stati espressi. E poi se il governo  cadesse, la Giunta comunque si riunirebbe e deciderebbe; Silvio   Berlusconi potrebbe non essere candidato e perderebbe, in base al   Codice penale, anche i diritti politici. Inoltre, se si andasse a  elezioni e se il Pdl vincesse con questa legge elettorale tanto alla   Camera quanto al Senato, che cosa farebbe? Cambierebbe subito la legge  Severino e il Codice penale per sciogliere di nuovo le Camere e avere   Berlusconi candidato? Ma il Paese che fine fa?". Sono gli   interrogativi che l’ex presidente della Camera Luciano Violante avanza  in un’intervista al "Corriere della Sera".

  Diritto e dovere -  “Noi  - aggiunge riferendosi alla posizione del Pd - siamo   legalitari e la legalità comprende il diritto di difesa che va   pienamente garantito, in questo come in qualsiasi altro caso". Allo  stesso tempo, "Berlusconi deve spiegare alla Giunta perchè a suo   avviso la legge Severino non si applica. E i membri della Giunta hanno  il dovere di ascoltare e valutare la sua difesa”. L’organo del Senato  "se ritenesse che ci fossero i presupposti, potrebbe sollevare   l'eccezione davanti alla Corte. Ma questa - fa osservare Violante- non  sarebbe una dilazione: sarebbe l’applicazione della Costituzione". Sul possibile ricorso del Pdl anche alla Corte europea, Violante  spiega che “la Corte di Lussemburgo potrebbe essere interpellata   perchP dica se in base alla normativa europea, applicabile anche in   Italia, la legge Severino dà luogo a pena, non retroattiva, o a un   semplice effetto sulla condanna”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alejob

    01 Settembre 2013 - 15:03

    Esci dalla MERDACCIA che ti circonda. Fai un esame di coscienza e guarda in faccia tutti coloro che sono al tuo fianco. Sono tutti degli ANIMALI che non hanno cervello, sono in un partito solo per dei fovoritismi personali come le Cooperative. Cosa sono le Cooperative, sono associazioni di unità lavorative e non, per stare insiame e non mangiarsi l'uno contro l'altro, ma fare di tutto per mangiare il prossimo e toglierlo dal MERCATO. Questo è il PD. Questi Violante sono i personaggi che ti circondano. Esci da questo MARCIUME prima di essre contaminato, non è nel tuo DNA questa strada, sei una persona ponderata e intelligente, non sei un cafone pronto a tutto per fare male a qualcun'altro.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    31 Agosto 2013 - 21:09

    la Costituzione parla chiaro e non si può far finta che abbia scritto degli articolati per il sol gusto di scrivere nero su bianco. Gli ART. 24 E 27 garantiscono a Berlusconi di potersi difendere da una sentenza che egli ritiene ingiusta e a norma di quanto previsto dalla legge l'accusato attraverso i suoi legali ha immediatamente provveduto a inoltrare ricorso avverso la sentenza emessa di condanna al fine di poterla ribaltare e infine, i Sigg. Magistrati e altri soggetti che vorrebbere porre Berklusconi fuori giuoco,a rispetto dell'art.27 devono attendere la fine dell'esito dibattimentale del ricforso e solo dopo, se la sentenza dovesse ritenersi valida, si potrebbe agire secondo legge verso Berlusconi ma, sino ad alora tutte le bocce devono stare ferme. Violante è un serio politico e giurista.

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    28 Agosto 2013 - 19:07

    Caro monocromo mononeuronico mi dispiace che lei si offenda se le fanno presente la conflittualità che ha con la lingua italiana ma,mi creda,non è colpa mia. Si,è vero,deve imparare modi e tempi e pure qualcosa d'altro ma se rileggendosi non vede gli errori...studi investendo così il suo tempo in qualcosa di utile (le eviterebbe orribili figure)al posto di sparare cazzate mostruose.Mi rende felice il fatto di essere definito "bananas", chissà cosa vuol dire, ma e deve farsene una ragione se tra noi due c'è un analfabeta quello è lei. Studi,studi,studi e non ribalti sugli altri le sue mancanze e lacune tanto non ci crede nessuno ed i suoi scritti stanno a dimostrarlo. Caro scemo la saluto cordialmente.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    28 Agosto 2013 - 10:10

    Si decida su quello che devo imparare, mi rimprovera i modi, ma sostiene che devo imparare i tempi. Che razza di grammatica consulta? Quella dei bananas? Mi domandavo se lei fosse uno stronzo per essenza o per convenzione: lei è la prova vivente dell'essenza. Bananas analfabeta

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog