Cerca

Fuoco amico

La senatrice del Pd contro la Kyenge:
"E' incapace, non fa nulla, è antipatica
non è adatta a fare il ministro"

Cécile Kyenge

Cécile Kyenge

"Non mi sembra proprio all’altezza di fare il ministro". Chi l'ha detto? Un leghista? Un esponente di Forza Nuova? Un falco del Pdl? No. Una renziana doc come la senatrice democratica Laura Cantini. Le parole della renziana, pubblicate sul suo profilo facebook hanno scatenato polemiche. Qualcuno parla già di "fuoco amico" sul ministro dell'Integrazione. Uno sfogo, quello dell’esponente renziana, dopo la proposta della Kyenge di abolire i termini “madre” e “padre” dai documenti per annullare le distinzione fra coppie di genitori eterosessuali e omosessuali. Ma l’insofferenza della senatrice empolese verso il ministro di colore non sfugge al Pdl. E scoppia una bufera: "Ci compiacciamo del fatto che anche nel Pd comincino a emergere posizioni critiche nei confronti delle uscite provocatorie del ministro", affermano Macallè e Borgherini, i giovani del Pdl toscano. E così Cantini, dopo una giornata bollente, ha tentato una mezza marcia indietro: "Era un commento superficiale, non ho approfondito quel che ho scritto".

"E' antipatica" -  Poi quando le acque si calmano, la Cantini ritorna alla carica: "Non nego quel che ho scritto: credo che il ministro dovrebbe iniziare a fare cose concrete prima di parlare, anche sulle pari opportunità, i diritti civili, lo ius soli. Questo stillicidio di annunci teorici e questo approccio sbagliato rischiano di renderla antipatica anche a sinistra". Insomma ora la Kyenge ha i nemici in casa. E per lei l'esperienza di governo diventa sempre più difficile. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cremasch

    09 Settembre 2013 - 15:03

    anch'io sono 'nero' ma di rabbia. Faranno ministro anche me?

    Report

    Rispondi

  • marco gladiatore

    09 Settembre 2013 - 10:10

    ecco l'altra faccia del razzismo. Ci sono comuni in Toscana che fanno a gara a proporre e dare la cittadinanza onoraria alla Kyenge. Questo è vero razzismo al contrario. Sindaci inadeguati a fare qualcosa di utile, cercano notorietà con queste indecenti proposte. E sono sempre loro, quelli del PD. Qualcuno ricordi alle istituzioni i motivi che possono indurre a così importanti riconoscimenti. Basta concessioni !!! marco gladiatore - Firenze

    Report

    Rispondi

  • white warrior

    08 Settembre 2013 - 10:10

    La libertà di dire a voce alta quello che tutti pensano o sussurrano perché il Partito, non potendo, per il momento, proibire di pensare stabilisce quello che va detto sui temi che il Partito stabilisce siano indiscutibili, dura, a Sinistra, lo spazio di un post o di un tweet. Ma basta perché i miei amici di Sinistra, che dicono ai loro amici di Destra ciò che non possono dire ai compagni, si riconoscano nelle parole di un'esponente di quarta fila e non in quelle di un assessore di Venezia che Kateshu adotta come ne fosse la 'genitrice' unica.

    Report

    Rispondi

  • FALCO1952

    07 Settembre 2013 - 07:07

    Ma cosa avranno mai fatto papà e mamma per essere trattati così ,forse una cosa sola hanno fatto di male,partorire questa signora spuntata dal nulla grazie alla mente bacata di qualcuno.......

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog