Cerca

Silvio spiega tutto

Berlusconi: "Dimissioni scelta dura e impopolare, lotto con chi ci vuole in ginocchio"

Berlusconi: "Dimissioni scelta dura e impopolare, lotto con chi ci vuole in ginocchio"

Una scelta impopolare, ma da prendere. Perché il suo storico legale di fiducia, Niccolò Ghedini, è stato tranchant sulle prossime mosse della magistratura una volta venuta meno l'immunità parlamentare in conseguenza del voto della giunta del Senato venerdì prossimo: "Verranno ad arrestarti" ha detto Ghedini ad Arcore. E Berlusconi, a quel punto, ha deciso di rompere gli indugi.

L'occasione è stato il rinvio dello stop all'Iva. Così Silvio Berlusconi, sul sito web di Forza Italia, spiega agli elettori e agli italiani perché ha deciso di staccare la spina al governo Letta. "La stabilità di governo è un bene se si nutre di due cose: un governo capace di lavorare bene e una maggioranza unita sulle cose da fare e fondata sul rispetto reciproco - spiega il Cavaliere -. Invece nelle ultime settimane abbiamo avuto un governo capace solo di rinviare, di proporre il blocco dell'Iva aumentando altre tasse, di tagliare l'Imu solo a metà per ricattare il Pdl e costringerlo a stare al governo, un governo prono rispetto ai diktat dei burocrati dell'Unione europea". 

"Pdl disponibile a votare sì" - "Abbiamo pazientemente offerto soluzioni a ogni livello istituzionale per evitare di fare precipitare la situazione. Non ci hanno voluto ascoltare", accusa Berlusconi. Secondo l'ex premier il nodo è quello dell'Iva e dell'Imu, punti troppo importanti per essere elusi dietro l'alibi dei conti in regola imposti dall'Unione europea. "So e sappiamo distinguere il reale interesse dei cittadini. Per questo motivo, se il governo proporrà una legge di stabilità realmente utile all'Italia, noi la voteremo - è l'apertura, inaspettata, del leader del Pdl/Forza Italia -. Se bloccheranno l'aumento dell'Iva senza aumentare altre tasse noi lo voteremo. Se, come si sono impegnati a fare, taglieranno anche la seconda rata Imu, noi voteremo favorevolmente. Noi ci siamo e ci saremo su tutte le altre misure utili, come il rifinanziamento della cassa integrazione, delle missioni internazionali, il taglio del cuneo fiscale".

"In campo contro forze antidemocratiche" - "Non sono sceso in campo, non ho messo a repentaglio una vita di lavoro, di successi e di sacrifici per lasciare in queste condizioni il mio Paese - prosegue Berlusconi -. Per questo ritengo mio dovere continuare a restare in campo, per offrire una alternativa ai poteri non democratici, perché non eletti dal popolo, che loro sì irresponsabilmente vogliono mettere in ginocchio il nostro Paese".

L'affondo contro il Pd - "Abbiamo avuto il nostro maggior alleato, il Pd, che si vergogna di stare in un governo contro natura e che per bocca di tutti i suoi esponenti di vertice annuncia l'intenzione di buttare fuori dal Parlamento il leader del partito alleato, violando la Costituzione - attacca Berlusconi -. In questo modo assecondano gli istinti della loro base, nutrita da venti anni nell'odio contro di me e pensano di chiudere una partita che dura dal 1994". Eppure, rivendica, "abbiamo pazientemente offerto soluzioni a ogni livello istituzionale per evitare di fare precipitare la situazione. Non ci hanno voluto ascoltare". "Per questo - sottolinea Berlusconi - ho deciso di chiedere ai ministri Pdl di dare le proprie dimissioni. So bene che è una scelta dura e impopolare. Ho previsto tutte le accuse che mi stanno rovesciando addosso in queste ore e anche lo sconcerto di parte del nostro elettorato, preoccupato giustamente della situazione economica e sociale". "A loro - è l'appello che arriva da Berlusconi - dico di non credere a coloro che da vent'anni hanno bloccato le nostre riforme per cercare di eliminarmi dalla scena politica. Sono gli stessi che oggi mi dicono di non anteporre me stesso al bene dell'Italia. Ciò non è mai stato in discussione per me e per la mia forza politica, in tutti questi anni. Noi siamo quelli che negli anni Novanta hanno salvato i governi della sinistra quando non avevano maggioranza sulla politica estera. Noi siamo quelli che hanno voluto Monti, Bonino, Prodi in posizioni di vertice in Europa, perché italiani". "Noi - ricorda ancora il leader Pdl - siamo quelli che non abbiamo mai lavorato all'estero contro il governo italiano quando eravamo all'opposizione. Noi siamo quelli che due anni fa hanno votato contro l'arresto di un senatore del Pd, nello stesso giorno in cui loro votavano per far arrestare un nostro deputato, che fu peraltro scarcerato dopo alcune settimane". "Noi - dice ancora - siamo quelli che hanno voluto il governo Monti e il governo Letta, sperando potesse essere un governo di riforme e di pacificazione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brontolo1

    01 Ottobre 2013 - 11:11

    e poi voi sinistri dite che la magistratura non fà politica,ma ammettete che fsb,e non solo lui,si arrogava/no,il compito(non previsto dalla costituzione) di selezionare la la classe politica,e guarda caso voi sinistri eravate sempre i più bravi! la frase di borsellino è stata amèiamente manipolata,e non ha mai dato inizio ad azioni penali! chissà perchè nessuno si ricorda che Giovanni Falcone,pochi giorni"dopo"la sua tragica morte aveva appuntamento con un giudice russo che indagava sul fiume di denaro sovietico che andava in occidente prima del crollo del muro di berlino!strano vero?come strano è il fatto che rostagno,storico leader di lotta continua,da anni abitante in sicilia,dove tuonava da una tv locale contro il malaffare politicomafioso,abbia trovato la morte solo nel 1988,quando si era appena riaperto il caso calabresi,ed aveva ricevuto un avviso a comparire! come diceva la buonanima di giulio(andreotti)"a pensar male si fà peccato,ma spesso ci si acchiappa.."!

    Report

    Rispondi

  • cartonito

    01 Ottobre 2013 - 08:08

    o lucatnt73 e quali sarebbero le persone secondo te degne di essere votate? E inutile che tu lambicchi il cervello dalla tua parte non riuscirai mai a trovarli sono solo dei brutti comunisti che odiano il benessere degli altri e che tutti siano poveri allo stesso livello,MENO LORO si intende...

    Report

    Rispondi

  • IlBecchino

    30 Settembre 2013 - 15:03

    Volete andare a votare o volete che il governo duri? Governo Letta 68% - Alfano contro Santanché, voi con chi state? Alfano 68% - Secondo voi Alfano deve rompere con il Cav? SI 63% - Secondo voi il PdL si spaccherà in due partiti? Si 71% - Secondo voi quanti nel PdL daranno la fiducia al governo Letta? Più di 20, il PdL si spaccherà in due 55%.... Forse voi di Libero speravate in risultati opposti, per questo continuate a inserire sondaggi identici cambiando le parole, ma il risultato non cambia: 65% di media contro Berlusconi e i Falchi.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    30 Settembre 2013 - 13:01

    ''Non scenda in politica chi ha scheletri nell'armadio'' (Borrelli) 'Poi penseremo anche a costui'' (Borsellino) La paura é sempre stata compagna di B. che si é premunito con dimezzamento del periodo di prescrizione, con il togliere dai reati il falso in bilancio, ...ecc.. La paura di chi ha troppo da nascondere

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog