Cerca

L'uomo-chiave

Alfano, si prende il Pdl
I nuovi rapporti di forza Angelino-Cav

L'ex delfino ha vinto la partita della fiducia a Letta: ha rotto il tabù della monarchi berlusconiana

Alfano, si prende il Pdl
I nuovi rapporti di forza Angelino-Cav

L'uomo senza quid, l'eterno delfino di Silvio ha "ucciso" il padre. Lo strappo si è consumato già sabato scorso quando a sua insaputa Berlusconi con i falchi avevano deciso le dimissioni dei ministri (comunicandogliele a cose fatte via telefono) e di staccare la spina al governo Letta, ma la rottura è diventata sempre più frattura insanmabile fino al vertice notturno a Palazzo Grazioli martedì sera, alla vigilia di un voto di fiducia che riguardava non solo il futuro delle larghe intese ma contemporaneamente anche quello di Alfano, di Silvio Berlusconi e dello stesso centrodestra.

La rottura Un vertice in cui si sono ritrovati l'uno davanti all'altro. Il padre e il figlio. E questa volta l'ex delfino ha avuto il coraggio di dissentire dal Cavaliere, è andato avanti per la sua strada mantenendo la linea filo-governativa pur sapendo che questa scelta avrebbe compromesso il rapporto con il suo mentore. Come scrive Fausto Carioti su Libero in edicola oggi mercoledì' 2 ottobre, "Alfano ha resistito alle lusinghe e alle minacce. Obbligando il proprio padre politico alla scelta più drammatica: accettare la linea delle colombe, cioè votare la fiducia al governo o subire  la spaccatura nel partito. In questi anni Silvio Belrusconi si era trovato tante volte a dover trattare, perfino a fare retromarcia. Ma le imposizioni erano arrivate di volta in volta dai maglistrati, dagli avversari, dagli alleati. Mai da qualcuno del suo partito dove fino a ieri c'è stata un'unica regola: "la parola del capo è legge". 

Il futuro Alfano è andato avanti per la sua strada, quella che riteneva più giusta. L'inversione di rotta è toccata a Silvio Berlusconi che, alla fine di una mattinata ad altissima tensione, ha dato il suo appoggio a Letta per senso di responsabilità è sicuramente una sua vittoria. Adesso il futuro è nelle sue mani. Il suo futuro e quello del centrodestra. Adesso il partito è nelle sue mani.  Emblematica l'immagine di Angelino Alfano che alla fine delle parole di Berlusconi si apre ad un sorriso di gioia, sollievo, soddisfazione, compiacimento e, forse, anche rivalsa: Silvio Berlusconi ha appena annunciato la fiducia al governo. La giornata finisce in gloria e lui batte le mani. Non a lungo, ma in modo molto partecipato. Da oggi cambiano gli equilibri e anche il suo rapporto con Berlusconi. I falchi sembrano volati via. Alfano ha al suo fianco anche il premier Enrico Letta. Quasi un riso, il suo. Ma senza mostrare tutti e 32 i denti, come invece fa Alfano. Da oggi il leader è lui. Ci si chiede quale sarà il suo futuro: se resta nel Pdl o preferisce "migrare" nel neonato gruppo di moderati a cui hanno già aderito 24 senatori azzurri. 

L'attacco di Silvio  Immediata la domanda dei giornalisti a Berlusconi. "E' stato tradito da Alfano?". L'ex premier non ha risposto. Ma poi con alcuni deputati azzurri si sarebbe lasciato andare ad un commento che non lascia aperti troppi spazi all'interpretazione: "Con Angelino Alfano alla segreteria  del partito, siamo scesi al 12%".  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • riccardo49

    03 Ottobre 2013 - 00:12

    Spiace doverlo ammettere ma con la scissione oggi il centrodestra italiano sara' all' opposizione per moltissimi anni vedrete alle prossime votazioni che danno hanno causato questi dissidenti.

    Report

    Rispondi

  • antoniofasano

    02 Ottobre 2013 - 22:10

    È una scemenza. Il PDL è di Alfano compresa la cassa dei rimborsi elettorali! Dai rassegnatevi prima o poi tocca a tutti di doversi ritirare.

    Report

    Rispondi

  • onollov35

    02 Ottobre 2013 - 19:07

    Silvio, assieme ai tuoi falchi,buttate fuori da partito tutti gli ex democristiani.Io mi meraviglierei anche di Quagliarello. Ricordati, anche col 10 o 12 percento, va bene lo stesso,purché gente degna di appartenere a Forza Italia-PDL.

    Report

    Rispondi

  • bocciatore

    02 Ottobre 2013 - 17:05

    Arellano non ti avventurare in giudizi troppo difficili per tè, e pensa alla me...a che per due mesi ti ha buttato in faccia grillo, ne hai ricevuta talmente tanta che ne sento ancora l'odore mentre leggo il tuo post ridicolo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog