Cerca

Su "La Stampa"

Matteo Renzi, "La Stampa": il piano-B, rinunciare al mandato

Il messaggio trasversale del premier in pectore sulle pagine de "La Stampa": ecco a chi si rivolge. Lo spauracchio del voto per far paura ai partiti

Matteo Renzi, "La Stampa": il piano-B, rinunciare al mandato

Fare i conti coi palazzi romani non è affatto scontato. Anche il dinamismo frenetico di Matteo Renzi - "flipper", per gli alfaniani - potrebbe soccombere nella palude che circonda Palazzo Chigi. Baldanzoso, il segretario della Pd è già costretto a leccarsi le prime ferite. No, non è tutto così semplice. No, non basta quell'innata forza propulsiva. Alcuni possibili ministri si sfilano, altri papabili rifiutano esplicitamente, le alleanze non sono affatto scontate, l'opposizione interna seppur silenziosa è asfissiante, il programma deve essere pesato col bilancino (anche perché i voti per governare da solo, Renzi, non li ha). Pure la riforma elettorale, in questo contesto, potrebbe essere a rischio.

L'agiografia di Matteo - Insomma, per dirla con le parole di Federico Geremicca su La Stampa, ora "è soprattutto nel mondo renziano - e se ne può intuire il perché - che va montando quella che potremmo definire un'affettuosa preoccupazione per la via intrapresa da Matteo e per i passi che muoverà". La preoccupazione monta "nella folla dei militanti, simpatizzanti, amici della prima ora e volontari di ogni elezione primaria che cresce il timore che il sogno possa interrompersi, che la cavalcata innovatrice del giovane sindaco-segretario finisca inghiottita nelle sabbie mobili romane e nel mare delle compatibilità da rispettare".

Ipotesi rinuncia - Nel ritratto quasi agiografico che Geremicca fe del premier in pectore ("il sogno", "la cavalcata innovatrice del giovane" eccetera eccetera, lo spauracchio delle "sabbie mobili" pronte a inghiottire il grande innovatore) c'è però anche spazio per un messaggio, che poi è il cuore del commento della firma del quotidiano di Torino, molto vicina al sindaco uscente di Firenze. "Molti - continua Geremnicca - hanno annotato che, per come questa storia è cominciata, Matteo Renzi ha molto da perdere e poco - al momento - da guadagnare". E "già questo", si spiega, "potrebbe bastare a tenere in campo un'ipotesi che nessuno, pragmaticamente, ha voglia e intenzione di valutare: quella che il presidente incaricato, alla fine, possa rinunciare".

Al voto, al voto - Ecco la bomba. Ecco il messaggio. Ecco quella che nel titolo viene definita "l'opzione di riserva del premier". Rinunciare al mandato. Il "popolo di Renzi", prosegue Geremicca, "non avrebbe dubbi: di fronte a un governo condizionato da partiti di centrodestra, con una squadra di volti noti o addirittura stranoti e con una programma monco sul piano dei diritti civili - per esempio - e condizionato da troppe compatiblità da riospettare, molto meglio dire no, non ci sto". Ma chi lo dice? Geremicca? Oppure il "popolo renziano"? Oppure Renzi in persona? Chiunque sia a parlare, La Stampa rivela lo scenario: "L'alternativa sarebbero le elezioni? Può darsi: sarebbero contenti tutti quelli che hanno cominciato a invocarle...".

La "dritta" - Il suggerimento di Geremicca si fa poi più esplicito: "E' un'opzione (quella del voto, ndr) che - almeno nella fase delle trattative avviate - il premier incaricato farebbe bene a non accantonare, facendo intendere ai suoi interlocutori che non ha accettato l'incarico per fare un governo a ogni costo". Quindi la ripresa dei brani agiografici: "Il giovane sindaco-segretario sa che da lui non ci si aspetta semplicemente un governo, ma molto di più. Una svolta. Una rivoluzione, come lui stesso l'ha definita. La sopravvivenza di quell'inatteso ritorno di fiamma per la politica che è stato (ed è) il fenomeno che incarna". 

Il "pizzino" - Toni entusiastici, quando si parla di Matteo. E un avviso trasversale a chi Renzi lo osteggia: ai ministri che dicono "no", ad Angelino Alfano che "batte i pugni", a chi cerca di indirizzare le scelte del premier-in-potenza, a chi in definitiva cerca di "interrompere il sogno". Il dubbio è lo stesso esposto poche righe sopra. Chi parla? Geremicca e La Stampa oppure Renzi? Quanto si può tirare la corda? Matteo potrebbe davvero rinunciare all'incarico. "E' un'opzione che il premier farebbe bene a non accantonare", dice Geremicca. O chi per lui.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    18 Febbraio 2014 - 18:06

    Dai Mauro,non lo puoi negare che voi sinistri siete una manica di coglioni,specialmente quelli che vivono in Toscana,dei sinistri,quelli più rincoglioniti in assoluto.A proposito,non andare a Sochi,altrimenti ti arrestano.

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    18 Febbraio 2014 - 18:06

    Per demonizzare Berlusconi, la becera propaganda comunista, tenta di dar da bere alla gente, che Berlusconi, ha governato ininterrottamente per 20 anni, attribuendogli ogni infamia, per coprire i loro fallimenti di 14 anni di malgoverni, compresi quelli di Monti e Letta....! Ed ora è la volta di Renzi, il quale forse supponeva che giù a Roma, fosse come il comune di Firenze o come il campetto della sua parrocchia dove prevaleva o poteva fare il prepotente, portandosi via il pallone come fanno i bambini prepotenti e viziati ! Lì a Roma, non è la sede degli scouts né i giochi a quiz di Mike Buongiorno dove il sapientino Renzi primeggiava....! Il ruolo di primo ministro è diverso caro mio e chi tocca il bambino, diventa compare si dice dalle mie parti....! Credevi di passeggiare a stinger mani e ricevere baci ed abbracci...? Pedala pedala, così ora capirai quanto sia duro e complicato governare come lo è stato per Berlusconi e di quante carognate ha ricevuto da voi comunisti....!

    Report

    Rispondi

  • agosman

    18 Febbraio 2014 - 18:06

    Tutti a rimproverare Renzi per aver cacciato Letta ma nessuno si domanda che fine avrebbe fatto la riforma della legge elettorale se quello fosse rimasto al suo posto. Personalmente sono convinto che Renzi è giunto alla conclusione di cacciare Letta perché ha capito che con quello li non avrebbe cavato un ragno dal buco. Gli sono bastati pochi giorni per capire i chiari di luna che si stagliavano all’orizzonte con i nani partitini che già organizzavano un bel programma di allungamento, tiri e molla, ricatti e robe di questo genere. Letta è peggio di suo zio Gianni: un narcotizzatore dell’esecutivo, immobilista, vivacchiatore, riscaldatore di poltrona tipo i funzionari della pubblica amministrazione con mega stipendio assicurato. Quello che ha fatto con l’IMU e l’IVA è degno dei politicanti più meschini: un continuo di decreti che sospendevano le rate IMU o l’innalzamento IVA per tenere in piedi il suo governo col ricatto. E’ giusto che Renzi ci provi e male che vada si vota.

    Report

    Rispondi

  • woody54

    18 Febbraio 2014 - 17:05

    E tu ne sei una piena conferma!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog