Cerca

Svolta nello scandalo Lazio

Arrestato l'ex capugruppo del Pdl Fiorito

Arrestato l'ex capugruppo del Pdl Fiorito

Pericolo di fuga e inquinamento delle prove. C'è scritto nell'ordinanza di custodia cautelare con la quale viene contestato all'ex capogruppo del Pdl, Franco Fiorito, il reato di peculato in relazione all'utilizzo dei fondi del partito ai fini personali: si sarebbe appropriato di una somma che si aggira intorno al milione e 300mila euro. All'alba per lui sono scattate le manette. A mettergliele sono stati i militari del del nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di finanza, che in queste ultime settimane si sono concentrati sullo studio dei conti del Pdl. Le Fiamme gialle stanno anche eseguendo una serie di perquisizioni nelle abitazioni dell'ex capogruppo del Pdl alla Pisana: secondo le prime indscrezioni, sarebbero state rinvenute fatture nel tritacarte di Fiorito. Sprezzante il commento del consigliere regionale dopo l'arresto: "In carcere troverò persone migliori di quelle che ci sono nel Pdl".

Interrogatorio - Er Batman dopo era stato sottoposto a un lungo interrogatorio, cinque ore, era stato iscritto nel registro degli indagati della procura della Repubblica di Viterbo. Con lui risultano indagati per diffusione di documenti falsi anche quadri del Pdl del Lazio, componenti del coordinamento regionale. Chi diffuse insomma con Fiorito le fatture gonfiate per screditare alcuni consiglieri. Le copie delle fatture taroccate, poi distribuite alla stampa, furono fotocopiate nell'ufficio del coordinatore, Vincenzo Piso, in via dell'Anima, così almeno ha raccontato Fiorito al pm. La distribuzione dei documenti contabili alla stampa fu decisa in una riunione il 12 settembre scorso, nell'intento di avviare una sorta di "operazione pulizia" e denunciare i consiglieri spreconi.  

Il racconto - Fiorito ha anche raccontato che il 18 agosto scorso, nel pieno delle scontro sulla sua sostituzione alla guida del gruppo, quando lo scandalo dei fondi ancora non era esploso, il suo successore Battistoni, si presentò alla sua segretaria e le intimò di aprile l'ufficio. Con lui c'erano il suo commercialista di fiducia e il suo avvocato. "Sono il nuovo capogruppo, ho diritto ad entrare", disse Battistoni sottolineando che Fiorito ancora non aveva provveduto al passaggio delle consegne. La segretaria lo fece entrare. I tre restarono nell'ufficio alcune ore e uscirono con due faldoni. Anche questo particolare sarà approfondito dagli inquirenti.

Il precedente - L'ex capogruppo Pdl era stato già interrogato per oltre quattro ore il 23 settembre scorso, in veste di testimone, in merito a una denuncia per diffamazione presentata da Battistoni contro il giornalista Paolo Gianlorenzo, ex direttore dell'Opionione di Viterbo, che il 14 settembre su un sito internet aveva pubblicato i Pdf delle fatture, definite "evidentemente e grossolanamente contraffate" dal procuratore capo Alberto Pazienti. Fiorito negò di aver consegnato il dossier a Gianlorenzo e, soprattutto, dichiarò che i documenti in suo possesso, consegnati alla procura della Repubblica di Roma, dove è indagato per peculato, sono assolutamente autentici e le cifre indicate sulle fatture corrispondono a quelle effettivamente liquidate dal gruppo Pdl. Concetto che ha ribadito anche durante l'interrogatorio di ieri. Evidentemente, però, gli inquirenti non gli hanno creduto, tanto che lo hanno indagato per calunnia e falso e oggi lo hanno fatto arrestare.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GMTubini

    05 Ottobre 2012 - 22:10

    La schizofrenia è una brutta bestia: uno crede in buona fede di essere uno scienziato di ritorno dal convegno e (bum!) scrive "pocaggine" invece di "pochezza". Povero biri, come sei messo male!

    Report

    Rispondi

  • biri

    05 Ottobre 2012 - 21:09

    Adesso che, vivaddio, ho esaurito, almeno per la settimana, i miei compiti di "scienziato" (sai com'è dovevo preparare un intervento a un convegno; l'ho fatto, è andata bene) ti spiegherò una cosa: "scienziato" è un mestiere, una professione, tutt'al più, come "tornitore", "bracciante", "dentista". NON è una posizione di superiorità intellettuale, NON è una condizione di santità. Chi fa il mio mestiere negli USA si chiama "scientist", in italiano "scienziato". Capisco che la tua pocaggine ti porti a credere che gli "scienziati" siano dei falsi guru sul modello di Zichichi, ma dovresti uscire dal tuo provincialismo (bolso e bacchettone). Quel paese è sempre lì che ti aspetta.

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    04 Ottobre 2012 - 20:08

    Il maiale in foto lo hanno arrestato, mentre Lusi ha preferito costituirsi,forse per non fare la fine di Raul Gardini...

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    04 Ottobre 2012 - 20:08

    "Si tolga queste paranoie, il mondo è pieno di disadattati che vanno a correggere la grammatica degli altri quando non hanno buoni argomenti da opporre a scienziati tipo: Unghianera, Ciannosecco, 654321, incazzatonero, zelig, ghino, tubini, marco1927 e compagnia di giro...". Grazie per avermi annoverato trà i pochi uomini quì presenti, riguardo alla sua presa di coscienza,era ora che si collocase là dove già l'avevo messo io è cioè,trà i disadattati.Credo che fondamentalmente sia una palla mostruosa vivere a suo fianco,anche solo dialogare con lei.Fondamentalmente la trovo una persona vuota,priva di humor e di una parvenza di intelligenza.Suvvia, lei non è Stephen Hawking,che per quanto possa essere intelligente nel suo campo, magari ha delle lacune incolmabili come essere umano.Impari ad essere uomo,solo così eviterà di appestarci con la sua supponenza e mediocrità.Essere un uomo non lo si quantifica dagli equilibrismi grammaticali,un quaquaraquà quello si che è bravo con le parole...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog