Cerca

L'ultima figuraccia

Ignazio Marino peggio di una barzelletta: ci ricasca, Panda rossa ancora in divieto di sosta

Ignazio Marino peggio di una barzelletta: ci ricasca, Panda rossa ancora in divieto di sosta

Incredibile, ma tutto vero. Ignazio Marino ci ricasca. Ancora la Panda rossa, di nuovo in divieto di sosta, dopo tutte le multe prese, prima non pagate, e poi pagate "anche se non dovevo". Sembra una barzelletta, quella di cui è protagonista il sindaco di Roma, una barzelletta che è stata immortalata con tanto di foto dal sito Romafaschifo. L'auto rossa di Marino è stata pizzicata in via Santa Chiara, solo qualche metro prima di dove fu fotografata giusto un mese fa, quando impazzava lo scandalo-multe (e ben prima che la Capitale venisse travolta dal terremoto dell'inchiesta su Carminati & Co e che lambisce anche la giunta del sindaco). Romafaschifo, noto portale capitolino, fa notare in calce alla fotografia pubblicata su Facebook e Twitter: "Errare è umano, ma perseverare... Oggi pomeriggio (sabato 13 dicembre, ndr) dopo pranzo la vettura del sindaco in pieno divieto di sosta a Via Santa Chiara. Mah". In pchi minuti il post su Facebook ha raggiunto oltre duecento condivisioni, e il tassamtero corre...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Napolionesta

    31 Luglio 2015 - 14:02

    Ma questo e`veramente deficiente.......

    Report

    Rispondi

  • ilsognodiunavit

    15 Dicembre 2014 - 09:09

    E dove doveva metterla se non c'è posto, forse avrebbe dovuto portare una graziella pieghevole nel baule per pedalare da un parcheggio distante a dove deve andare? in bici deve andarci quando lo filmano , non per bisogno, è fatica.

    Report

    Rispondi

  • sgnacalapata

    15 Dicembre 2014 - 08:08

    La definizione di Marino? Inadeguato.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    14 Dicembre 2014 - 11:11

    Lui ha detto chiaro e tondo che gli affari x la combriccola sono finiti! Che uomo! Che statura morale! Prende i soldi dai ladroni e si giustifica "ma io nn sapevo". Nn fa affari con la combriccola? Ma se il 24 ottobre gli ha riccamente concesso un appalto! Ma come, nn aveva capito tutto? Ignazio nn aveva sospetti? La volpe romana nn aveva parlato cn i magistrati? Però dà un appalto ai corrotti?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog