Cerca

La mossa estrema

Ignazio Marino non si dimette, Matteo Renzi pensa ad espellerlo dal Pd

2
Ignazio Marino

Ignazio Marino non molla: le dimissioni, ancora, non arrivano. Il sindaco va alla prova di forza in aula, e oggi, domenica 25 ottobre, ha convocato i suoi sostenitori davanti al Campidoglio. La farsa continua: il primo cittadino non vuole mollare la poltrona, convinto di avere l'appoggio della città e di essere stato vittima di un mezzo complotto. Ed è in questo contesto, grottesco, che il premier Matteo Renzi avrebbe pensato a una sorta di "mossa finale", a cui ricorrere se le dimissioni non arriveranno entro il 2 novembre, giorno in cui, per legge, il passo indietro dovrebbe diventare definitivo. Quale mossa finale? Semplice, metterlo fuori dal partito. Certo, Renzi non vorrebbe spingere fino a questo punto la farsa, e dal Sud America, dove si trova, con i suoi collaboratori si limita a commentare così: "Si è dimesso, ora il Giubileo e poi le elezioni". Lo scenario di Marino cacciato dal partito viene avanzato da Il Messaggero, che sottolinea come l'eventuale "cacciata" del quasi-ex sindaco, inoltre, permetterebbe di escluderlo da quelle primarie per il prossimo candidato al Campidoglio alle quale proprio Marino potrebbe partecipare.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rotic

    25 Ottobre 2015 - 14:02

    Questi del PD tutti resistenti e facce di culo

    Report

    Rispondi

  • ernesto1943

    25 Ottobre 2015 - 14:02

    renzi è in sintonia con marino.stanno facendo melina per non mollare la capitale.abbiamo in campo il più formidabile intrallazzatore del secolo.scommetto che marini resterà tutta la legislatura.alla faccia dei babbei.

    Report

    Rispondi

media