Cerca

La scelta coraggiosa

Federici lascia il calcio a 24 anni: "Questo mondo fa schifo, io sono leale"

Il difensore del Frosinone (Lega Pro) ha un problema alla schiena: "Non voglio rubare lo stipendio"

La vicenda dell'ex promessa dell'Inter, cresciuto insieme a Balotelli, ricorda quella del collega spagnolo Javi Poves
Daniele Federici

Ritirasi dal calcio a 24 anni non è da tutti. Perché il dolore cronico alla schiena c'entra fino a un certo punto. La decisione (clamorosa) di Daniele Federici, 24enne difensore del Frosinone, in Prima Divisione, e cresciuto nelle giovanili dell'Inter con Mario Balotelli, dipende da altro. E' un'accusa, pesante, al mondo del calcio, un ambiente "che fa schifo e io sono una persona leale, per questo non ci sto più". Federici, 63 presenze in B in tre anni e mezzo a Grosseto, prima del trasferimento a gennaio in Ciociaria, è onesto: "Ho questo problemo fisico e non voglio rubare uno stipendio, se non posso giocare". Per questo ha deciso di rescindere il contratto dai biancorossi e chiudere, almeno per il momento, la propria carriera.

Il precedente spagnolo - Una presa di posizione netta e critica, anche se non così radicale come quella del collega spagnolo Javi Poves, che nell'estate 2011, da poco approdato in prima squadra allo Sporting Gijon, annunciò il proprio ritiro a 24 anni perché, parole sue, "più conosci il calcio, più ti rendi conto che è tutta una questione di soldi, che è marcio, e questo ti toglie l’entusiasmo". Poves era tanto determinato che già prima di lasciare il calcio aveva rifiuato l'auto aziendale donatagli dal club e aveva chiesto di non ricevere lo stipendio tramite bonifico perché contrario alla speculazione "capitalistica" degli istituti di credito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bersa56

    09 Luglio 2012 - 08:08

    Ragazzo per bene figlio di genitori per bene. Complimenti

    Report

    Rispondi

  • sig.nessuno

    08 Luglio 2012 - 11:11

    Massimo rispetto per la scelta, ma se fosse stato un giocatore di Serie A multimilionario il mondo del calcio gli farebbe altrettanto schifo?

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    08 Luglio 2012 - 01:01

    parole sante. I migliori auguri

    Report

    Rispondi

  • airbaltic

    07 Luglio 2012 - 23:11

    Si capisce che è guasto lui mica il calcio. Il calcio è cosi' . Basta con la filosofia poveraccista!! a chi non gli sta bene se ne va a giocare sulla spiaggia. Alla fine della partita facciano filosofia no global sempre sulla spiaggia ma non ci scoccino piu' a infilare il comunismo anche nel pallone.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog