Cerca

La pillola del Professore

La disoccupazione al 10,5%, i precari sono 3 milioni

Negativi i dati Istat: su anche l'inflazione. La cura-Monti non funziona

Il premier vede la fine della crisi, ma i dati dicono l'esatto opposto: l'Italia è sempre più in crisi, il lavoro è un'utopia e il costo della vita aumenta

31 Agosto 2012

36
Mario Monti

Il premier Monti

Il premier vede la fine della crisi, ma i dati dicono l'esatto opposto: l'Italia è sempre più in crisi, il lavoro è un'utopia e il costo della vita aumenta

Record dopo record, "cresce" l'Italia di Mario Monti. Ecco l'ultimo primato, quello di lavoratori precari, che nel secondo trimestre del 2012 sono quasi 2,5 milioni (2.455). Si tratta del livello più alto dal secondo trimestre del 1993 sia in valore assoluto, sia per l'incidenza sul totale degli occupati che ha toccato il picco del 10,7 per cento. I dati sono stati resi noti dall'Istat, che sommando i collaboratori al numero dei contratti a termine arriva all'iperbolica cifra di 3 milioni di precari.

Disoccupati - Male anche i dati sulla disoccupazione, ancora ai livelli massimi in Italia. Nel mese di luglio il tasso di disoccupazione è rimasto stabile rispetto a giugno, attestandosi al 10,7%, il dato più alto dal 2004 (anno d'inizio delle serie storiche mensili) e dal 1999 sulla base di confronti tendenziali. Su base annua il tasso di disoccupazione è cresciuto di 2,5 punti percentuali. L'Istat ha inoltre rivisto il tasso di disoccupazione di giugno dal 10,8% al 10,7%. Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) a luglio è al 35,3%, in aumento di 1,3 punti percentuali su giugno e di 7,4 punti su base annua. Il ritmo di crescita annuo della disoccupazione giovanile è triplo rispetto a quello complessivo. Tra i 15-24enni le persone in cerca di lavoro sono 618 mila.

Inflazione - Infine l'inflazione, anch'essa negativa. Secondo le stime preliminari, si registra un aumento dello 0,4% rispetto al mese precedente e del 3,2% nei confronti di agosto 2011 (era +3,1% a luglio). Secondo le rilevazioni Istat, i prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza dai consumatori salgono al 4,3% dal 4% di luglio. Su base mensile, i prezzi dei prodotti più acquistati, aumentano dello 0,4%.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    03 Settembre 2012 - 14:02

    Il fenomeno Monti e il suo governo si somo rivelati mediocri amministratori. I problemi dell'Italia con loro sono cresciuti, se gentilmente volessero togliersi dai piedi, di danni ne hanno già fatti a sufficienza.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    01 Settembre 2012 - 13:01

    No, ma la cura che il grande economista ci sta facendo ingurgitare a forza è peggio della malattia. A chi ancora crede alla balla che a dicembre stavamo fallendo,ricordo che adesso siamo realmente te sull'orlo del fallimento. Guardate tutti gli indicatori economici e ditemi se ne trovate uno in territorio positivo o per il quale si prevede, a breve, un ritorno in territorio positivo. Monti è il peggio che la CASTA potesse partorire per salvare se stessa.

    Report

    Rispondi

  • RuyDiaz

    01 Settembre 2012 - 11:11

    Il povero " bracco di Weimar " è stanco morto di scodinzolare al Colle e mordere i poveracci tutti i giorni. Oltretutto comincia a ballargli la dentiera, anche se fatta fare in Allemagna!...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media