Cerca

cronaca

Mafia: processo depistaggio, Scarantino 'così venivo indottrinato dai poliziotti'/Adnkronos (2)

17 Maggio 2019

0

(AdnKronos) - Secondo l'accusa, nell'estate del 1992 il gruppo investigativo denominato 'Falcone e Borsellino' e composto dai tre imputati, avrebbe 'imbeccato' Scarantino, su quello che doveva dire sulla strage Borsellino. Come ha scritto Antonio Balsamo, Presidente della Corte d'assise nissena che ha emesso la sentenza del processo Borsellino quater, "le dichiarazioni di Vincenzo Scarantino sono state al centro di uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana" e che "soggetti inseriti negli apparati dello Stato" indussero il balordo della Guadagna, Vincenzo Scarantino, a rendere false dichiarazioni sulla strage che, cinquantasette giorni dopo la strage di Capaci.

E oggi arriva la conferma di Scarantino. "Non ce la facevo più a continuare a raccontare bugie, loro mi mettevano le cose in bocca e io le ripetevo come un pappagallo. Certe volte non riuscivo a capire, a memorizzare le parole e i poliziotti me le facevano ripetere più volte. Così telefonai a mia mamma, l'unica di cui mi fidavo, e le dissi che volevo raccontare tutta la verità, che non c'entravo niente con le stragi. Ero una bomba pronta a esplodere...", racconta in aula. Così nel 1995 Scarantino decise di "raccontare tutta la verità ai magistrati", cioè di avere detto fino a quel momento solo bugie sulla strage di via D'Amelio. Scarantino era in un luogo protetto vicino a Imperia con la sua famiglia. "Dissi a mia mamma che volevo dire la verità e lei mi rispose che era giusto e che dovevo dire solo la verità e mi ha dato il numero di un giornalista, Angelo Mangano".

"Io ero un ragazzo instabile - racconta ancora Scarantino in aula- Ero una bomba pronta a esplodere". "Dissi al poliziotto che era a casa mia che volevo subito parlare con un magistrato 'picchì un sapìa nienti' (non sapevo niente ndr). E lui è andato a riferire che io volevo parlare con un magistrato per dire che non sapevo niente". Nel frattempo Scarantino rilascia una intervista telefonica al giornalista Mediaset Angelo Mangano in cui dice che non c'entrava niente con la strage e che aveva accusato persone innocenti. "Gli raccontai al telefono che erano tutte falsità, queste persone accusate da me erano tutte innocenti. E che mi aveva fatto dire tutto Arnaldo La Barbera (che guidava il gruppo Falcone e Borsellino ndr) e la Polizia. Mi ero liberato di un peso. Dopo che ho parlato con il giornalista è stato fissato un appuntamento con il magistrato".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media