Cerca

Solito trucchetto

Manovra, la tassa sui telefonini: il Pd fa cassa sulle sim, quali cellulari verranno stangati

14 Ottobre 2019

0
Gualtieri - Conte

Il Mef è ancora in divenire, eppure qualche certezza sta venendo fuori. Una di queste è la tassa sui cellulari: per ottenere le coperture di 3 miliardi per la legge di bilancio, dopo gli scontri per Quota 100 e cuneo fiscale, al Governo starebbero pensando di ritirare fuori l'imposta sulle sim. Secondo quanto riportato da Il Messaggero, la tassa è ancora al vaglio dei controlli dei tecnici del Tesoro e il ministro di Economia e Finanze dem Roberto Gualtieri non sembra intenzionato rimuoverla dalla manovra, nonostante la forte opposizione della vice grillina Laura Castelli.

Leggi anche: Pensioni, Italia Viva: "Abolizione totale di Quota 100". Matteo Salvini: "Follia, non lo permetteremo"

In cosa consiste questa imposta? Si tratta di un aggravio che va dai 6 ai 10 euro per ogni scheda e riguarderà abbonamenti business e aziendali. Nonostante la proposta sia stata respinta durante il vertice di ieri, nel cdm di oggi l'argomento potrebbe ritornare in auge, acuendo sempre di più le distanze tra M5s, Italia Viva e Pd. Le probabilità che la manovra possa assumere le sembianze di una stangata sono sempre più ampie.  

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Venezia, ecco come sarà il Mose una volta completato: immagini sorprendenti

Salvini ironizza su Zingaretti: "Dopo la riproposta dello Ius soli si è preso i 'vaffa' pure dagli alleati"
Che tempo che fa, David Grossmann con Liliana Segre: "So cosa ha passato"
Maltempo, Alto Adige in ginocchio sotto la neve: valanghe come colate di lava, interi villaggi devastati

media