Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Matteo Marzotto a Quarta repubblica: "Da Conte se non è un pregiudizio allora è mancata attenzione alle imprese"

  • a
  • a
  • a

A Quarta Repubblica sfilano gli imprenditori e la versione univoca: il governo di Giuseppe Conte non sta facendo nulla per loro. Il più duro è Matteo Marzotto, dell'omonimo famosissimo gruppo tessile, e il suo sfogo in collegamento con Nicola Porro è destinato a far rumore. "La grave emergenza di cassa affligge l'azienda di settimana in settimana e appena si potrà licenziare non è che lo si fa perché l'imprenditore è cattivo, ma perché deve sopravvivere", chiarisce accendendo i fari su quanto accadrà a settembre.

 

 

 

 

 

"Trovo scandaloso mandare avanti le negoziazioni europee di 10 giorni in 10 giorni. Ma non è vero che i prestiti saranno garantiti dallo Stato, non sono la vita reale!", tuona Marzotto che si lascia andare a uno commento sfiduciato sul governo. Secondo l'imprenditore "è evidente che se non è un pregiudizio è una mancanza di attenzione dello Stato verso le imprese. Sono passati 100 giorni e tutto ciò di cui si è parlato io fatico a vederlo". Il tutto con la beffa ulteriore degli Stati generali appena concluis. "Davanti a crisi grandi vanno prese decisioni coraggiose, qui passano le settimane e la situazione è notevolmente peggiorata, non mi accontento di sentirmi dire che questa è una situazione particolare".

 

Dai blog