Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stati Uniti, la maggior causa di cancro è la sfortuna che incide nel 70% dei casi

Mirko Mazzola
  • a
  • a
  • a

Neoplasia, tumore, cancro ci sono più nomi per indicare questa terribile malattia capace di trasformare, chi ne è affetto, nell'anima oltre che nel fisico, portandosi via tutto ciò che si è stati, prima di portar via anche l'ultimo respiro. Secondo l'ex direttore del British Medical Journal, Richard Smith: "Il cancro è la migliore morte possibile, basta spendere soldi per curarlo". Per Umberto Veronesi oncologo e politico italiano, il tumore dimostra che Dio non c'è. Dalla Johns Hopkins School of Medicine di Baltimora negli States, invece arrivano risultati in contrasto con le seguenti affermazioni. Lo studio - I due ricercatori realizzatori dello studio pubblicato sulla rivista Science, Bert Vogelstein e lo scienziato italiano Cristian Tomasetti, hanno scoperto che le cause delle neoplasie sono principalmente da addurre alla sfortuna. Proprio così, nè stili di vita poco sani nè difetti genetici o ambiente in cui si vive (che comunque hanno la loro incidenza sulla malattia) come da sempre sostenuto, ma il "caso" sarebbe alla base della patologia. Lo studio di tipo statistico, è stato condotto soprattutto sulle cellule staminali. Sono stai analizzati 31 differenti tumori (circa due terzi di quelli ad oggi conosciuti) tra cui quelli a cervello; testa-collo; tiroide; esofago; polmone; osso; fegato; pancreas; melanoma; ovario e testicolo e di questi ben 22 sono stati collegati a casi sfortunati. Anche se per alcuni di essi come il cancro al polmone, fegato e gola, è stato notato che fumo, sole, esposizione a radiazioni, eccessivo consumo di carne e genetica possono esserne la causa scatenante. La conclusione dei due scienziati che vuole essere un consiglio per la ricerca non è quello di tagliare i fondi come asserisce discutibilmente Smith, ma di concentrarsi in maggior modo sulla diagnosi precoce; ritenendo che la miglior arma contro i tumori non è la prevenzione ma essere tempestivi e bloccare subito il cancro. Anche perché se venisse accertata la notizia la prevenzione bisognerebbe farla con corni ed amuleti...

Dai blog