Cerca

Riallocazioni

Immigrazione, il patto con Francia e Germania di Pd e M5s: ecco cosa rischia l'Italia

11 Settembre 2019

7
Immigrazione, patto con Francia e Germania: così l'Italia si sobbarcherà tutti gli sbarchi

Cambia il governo, ma non i problemi. Ora l'Ue torna a fare pressione sull'immigrazione: "cacciato" Matteo Salvini, è più facile ottenere qualche sì dal remissivo Giuseppe Conte. Le trattative con Germania e Francia per gestire i flussi migratori hanno una storia più lunga. Era il 18 luglio scorso, quando i ventotto ministri dell'Interno si incontrarono a Helsinki, ma non riuscirono a raggiungere un accordo dopo che Italia e Malta presentarono un documento congiunto per portare a livello europeo il problema degli sbarchi. Documento nel quale i due Paesi rifiutarono la proposta dell'Ue di farsi carico degli immigrati, solo in un secondo momento distribuiti tra tutti i membri. 

Così si è deciso di lavorare a un documento congiunto che verrà suggellato, in data 23 settembre, a Malta dai quattro ministri dell'Interno. Si tratta - come spiega La Stampa - di un programma temporaneo e predefinito per le riallocazioni. Una proposta che "incastra" il nostro Paese: quando ci sarà la prossima emergenza con una nave umanitaria (generalmente sono Ong francesi o tedesche), Francia e Spagna in quanto Paesi di bandiera chiederanno a Italia e Malta di fornire i loro porti come "punti sicuri di sbarco", senza che per questo italiani e maltesi dovranno farsi carico di tutto quel che segue. Peccato però che l'accoglienza altrove avverrà, secondo l'accordo, almeno un mese dopo lo sbarco. Per il momento, sia il governo francese, sia quello tedesco si sono impegnati a prendersi il 25% degli sbarcati. Ma per Italia e Malta non è ancora sufficiente. E perciò il programma non dovrebbe essere operativo fintanto che il 100% degli sbarcati non avrà una destinazione sicura.
Italia e Malta si sono trovate d'accordo che non accoglieranno nessuno facendosi scudo di una ragione economica: già quel mese di accoglienza sarà un forte impegno logistico ed economico.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • greppio

    11 Settembre 2019 - 17:05

    Scusate, ma meravigliarsi di questi fatti mi sembra un pò infantile. Coa volete che facesse la UE? La sua politica sull'immigrazione mi sembra chiara. Solo solo gli ex compagni a non aver capito un cippa. Per il resto il M5s si è messo nelle mani del PD e il PD, pur di evitare le elezioni, accetterà q.lunque nefandezza. Siamo un vaso di coccio tra vasi di ferro.

    Report

    Rispondi

  • Paolo Schmidt

    11 Settembre 2019 - 15:03

    Alla base di tutto c'è un fatto: Macron è stato messo lì da Rothschild, quello che nel 1870 - dopo la guerra franco prussiana e l'abdicazione di Napoleone III - pagò i danni di guerra della Francia a Bismarck...

    Report

    Rispondi

    • captain fantastic

      12 Settembre 2019 - 09:09

      Consueta assurdità antisemita. I danni di guerra nel 1870 li hanno pagati i contribuenti francesi. Magari li avesse pagati Rothschild.

      Report

      Rispondi

  • ohmohm

    ohmohm

    11 Settembre 2019 - 15:03

    Infatti così facendo contiamo in ue ....infatti il 50% dei clandestini sono nostri ...perchè in ue più si conta e più clandestini ti prendi con grande soddisfazione del pd e del defunto movimento 5 stelle

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Giorgia Meloni ad Atreju: "Matteo Renzi è campione mondiale di faccia di bronzo"

Scontri tra black bloc, gilet gialli e polizia alla marcia per il clima a Parigi, fiamme sugli Champs-Elysées
Matteo Salvini, chiesta archiviazione per la Gregoretti: "Vediamo se il tribunale dei ministri ribalta tutto"
Clima, Greta Thunberg all'Onu: "Noi giovani uniti e inarrestabili" 

media