Cerca

Brutale

Agguato al parco, proiettile gli trapassa la testa ucciso il capo ultrà della Lazio

7 Agosto 2019

2
Agguato al parco, proiettile gli trapassa la testa ucciso il capo ultrà della Lazio

Un omicidio brutale a Roma. E' stato colpito alle spalle a distanza ravvicinata nel parco degli Acquedotti, in via Lemonia all'altezza del civico 273, in zona Cinecittà a Roma. Fabrizio Piscitelli, capo ultras della Lazio, meglio noto come Diabolik, è stato centrato da un proiettile esploso alle spalle e che lo ha centrato alla testa trapassandolo all'altezza dell'orecchio sinistro. Sul posto i poliziotti del commissariato Tuscolano.

A quanto si apprende da fonti investigative, era seduto su una panchina al parco con un altro uomo non identificato, quando è stato avvicinato alle spalle dal killer che ha esploso un colpo alla nuca, uccidendolo sul colpo. L’uomo che era con lui dopo l’agguato si è dileguato, ed è ricercato in queste ore.

 Per gli inquirenti il movente di un omicidio sembra pianificato. Piscitelli aveva avuto in passato problemi giudiziari legati alla droga. Sulla morte sta indagando anche la Direzione distrettuale antimafia di Roma. Il procuratore facente funzioni, Michele Prestipino, ha aperto un fascicolo di indagine, al momento a carico di ignoti. Le indagini sono affidate ai poliziotti della Squadra Mobile. 

Chi era  - Volto noto della Curva Nord degli ultrà della Lazio, Fabrizio Piscitelli, detto Diabolik, era stato più volte al centro di vicende giudiziarie legate al tifo per la Lazio ma anche a indagini sul traffico internazionale di stupefacenti. Piscitelli viene menzionato anche nelle carte dell’inchiesta Mafia Capitale.  

Secondo gli inquirenti che indagavano all’epoca sulla vicenda, Piscitelli era ritenuto un soggetto «pericoloso» da oltre 25 anni, «vissuto costantemente all’insegna della prepotenza e della sopraffazione sul prossimo, indifferente ai numerosi provvedimenti di polizia adottati nei suoi confronti» e si sarebbe «dedicato al crimine organizzato finanziando numerose importazioni di sostanze stupefacenti». 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rendagio

    08 Agosto 2019 - 08:08

    chi causa del suo ma..pianga se stesso, dovrebbe essere un vero inizio contro certi personaggi, visto l' incapacità della giustizia dei magistrati comunisti....chi il prossimo ??

    Report

    Rispondi

  • michelezuffante

    07 Agosto 2019 - 22:10

    Speriamo che la magistratura si impegni a perseguire il colpevole. Tuttavia conoscendo la simpatie di destra della tifoseria laziale ho i miei dubbi.

    Report

    Rispondi

Ondata di caldo, Venezia tra le città più afose d'Italia

Open Arms, la portavoce Ue Mock: "Sei paesi disponibili ad accogliere i migranti"
Nadia Toffa, piazza del Duomo di Brescia celebra i funerali della conduttrice
Matteo Salvini, frecciatina a Pd e M5s: "Noi non abbiamo paura di perdere la poltrona"

media