Cerca

chat da due anni

Mario Cerciello, clamorosa svolta: il pusher aveva un informatore. Si tratta di un appuntato dei carabinieri

7 Settembre 2019

1
Mario Cerciello, clamorosa svolta: il pusher aveva un informatore. Si tratta di un appuntato dei carabinieri

Italo Pompei, il pusher del caso del carabiniere Mario Cerciello Rega, aveva un referente tra i carabinieri. È un appuntato con il quale risultano oltre 2.000 contatti in due anni. A scoprirlo gli uomini del Nucleo investigativo dell'Arma nell'ambito dell'indagine su quanto accaduto nella notte tra il 25 e il 26 luglio scorsi, prima dell'aggressione al vicebrigadiere a Roma, ucciso con undici coltellate dal diciannovenne Lee Finnegan Elder mentre era con l'amico Gabriel Natale Hjorth, anche lui accusato di omicidio.

E adesso saranno loro a dover verificare la natura di questi rapporti, chiarire anche come mai fossero così assidui. Questo è uno dei tanti misteri che infittisce la vicenda, già segnata da troppi punti oscuri. Anche perché gli atti messi a disposizione degli avvocati difensori svelano le diverse versioni fornite nel tempo da Andrea Varriale, il vicebrigadiere che ha gestito l'operazione. nonché l'unico testimone dell'aggressione. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Arminius

    07 Settembre 2019 - 14:02

    Magari si prendeva una percentuale sullo smercio della droga in cambio della copertura. Anche sulla storia della foto del bendato c'é da indagare a fondo. Non è che la Benemerita sia esente dal marcio che permea la società. Il guaio sta nel fatto che il suo marcio dovrebbe essere tolto dall'interno appena si forma e non quando succede qualcosa che fa accendere i riflettori.

    Report

    Rispondi

Scontri tra black bloc, gilet gialli e polizia alla marcia per il clima a Parigi, fiamme sugli Champs-Elysées

Matteo Salvini, chiesta archiviazione per la Gregoretti: "Vediamo se il tribunale dei ministri ribalta tutto"
Clima, Greta Thunberg all'Onu: "Noi giovani uniti e inarrestabili" 
Giuseppe Conte

media