Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terremoto a Benevento e a Cosenza, serie di scosse sulla dorsale appenninica: l'Italia trema da Nord a Sud

Cristina Agostini
  • a
  • a
  • a

Due scosse di terremoto di magnitudo 3.1 e 3.6 soni state avvertite alle 9,08 a Benevento e in molti comuni vicini. È scattato immediatamente il piano di evacuazione in molte scuole e per gli uffici del tribunale, dove sono state sospese le udienze appena iniziate. Molta gente si è riversata in strada anche a Ceppaloni e a San Lucio Del Sannio, dove il terremoto si sta facendo sentire ormai da alcune settimane, dopo le scosse più forti del 25 novembre scorso. Il sindaco di Benevento Clemente Mastella, d'intesa con la prefettura e con la Protezione Civile, ha disposto l'immediata chiusura delle scuole e degli edifici pubblici a eccezione dei servizi e delle strutture emergenziali necessarie per la gestione degli interventi. Altri sindaci stanno organizzando con la prefettura i primi interventi di ricognizione. Leggi anche: La placca Adriatica in pressione sugli Appennini: terremoto in Italia, ecco chi rischia più di tutti Subissati di richieste i vigili del fuoco del comando provinciale di Benevento, ma per ora non si registrano danni o situazioni di emergenza. Le scosse sono state avvertite distintamente anche in provincia di Avellino, nel capoluogo e nei comuni al confine con il Sannio. Una inquietante catena di scosse di terremoto che da Nord a Sud sta colpendo la dorsale appenninica. Nella notte infatti si è registrata anche una scossa di terremoto in Calabria, vicino a Cosenza, sulla costa, di magnitudo 2.4. E ieri domenica 15 dicembre altre due scosse sono state avvertite nel Mugello. 

Dai blog