Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Dacia Maraini paragona le sardine a Gesù, rivolta della comunità ebraica: "Ignobile bestemmia"

Davide Locano
  • a
  • a
  • a

Questa volta Dacia Maraini l'ha fatta grossa. In un articolo natalizio sul Corriere della Sera ha infatti paragonato le Sardine, il movimento anti-Salvini ideato da Mattia Santori, a Gesù. Nel suo testo, passaggi quali: "Cristo ha rifiutato il vecchio testamento con le sue vendette, la misoginia e l'intolleranza. Proprio come questi ragazzi". E ancora, la scrittrice ha aggiunto: "In nome di Cristo sono state fatte delle orribili nefandezze. La scissione fra etica e politica è accaduta nel momento in cui la Chiesa, da idealistica e innovativa forza rivoluzionaria si è trasformata in un impero che ha subito costruito il suo esercito, le sue prigioni, i suoi tribunali, la sua pena di morte". Dunque, suelle sardine: "Non pretendono di cambiare il mondo, ma di introdurre in una società sfiduciata e cinica, una nuova voglia di idealismo". "Non hanno sbagliato simbolo secondo me, perché la sardina da sola non esiste, ma in una massa di corpi volanti, aiuta il mare a compiere i suoi cicli vitali". Parole controverse che hanno sollevato un polverone, soprattutto nella comunità ebraica. Durissima la replica del rabbio di Segni, Stefano Jesurum, che parla apertamente di "vergogna". "Un articolo ignobile, infarcito di falsità storiche e pregiudizi". E ancora: "Gesù sardina, una bestemmia. Diffidate di chi predica una bontà stucchevole, condita di false informazioni".

Dai blog