Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, l'esperta del Sacco Maria Rita Gismondo: "Vi dico io perché non è stato trovato il paziente zero"

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

"Nel nostro Paese il virus si è diffuso in modo silente almeno dall'inizio di gennaio". Parola di Maria Rita Gismondo, la professoressa che dirige il laboratorio di microbiologia, virologia e bio-emergenze all'ospedale Sacco di Milano. Per lei sarebbe proprio questo il motivo - così come spiega al Fatto Quotidiano - per il quale ancora "non è stato trovato il cosiddetto paziente zero". Non solo, perché sempre seguendo questo ragionamento pare plausibile supporre che molti casi di polmonite verificatisi in Italia e nella zona del Basso Lodigiano già dopo Natale possano essere contagi concreti da Covid-19. "Già a fine dicembre - specifica la Gismondo - noi abbiamo iniziato a lavorare sulla base di strane polmoniti cinesi segnalate dall'Oms. In quel momento avevamo sintomi influenzali simili al Covid, per di più concentrati in un picco stagionale normale". Leggi anche: Coronavirus, Giulio Gallera premiato con una poltronissima da Forza Italia L'itinerario del virus risulta ancora un obiettivo da dover raggiungere a tutti i costi: "Stiamo raccogliendo e studiando i genotipi di Cov 2 per fare la sequenza totale del virus e paragonarla con quella messa già in rete dai colleghi cinesi, poi in base alle mutazioni rilevate si traccia la mappatura". Una situazione che, secondo l'esperta, si delineerà nelle prossime settimane. 

Dai blog